Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 set 2020

Cassani: "Ho iniziato qui Tornare da ct? Incredibile"

L’ex ciclista pro ripensa al trionfo del ‘68: era lì e aveva appena sette anni "Il Mondiale per Imola deve essere un vanto. Sarà dura, ma quante emozioni"

26 set 2020
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014
Davide Cassani, 59 anni, faentino: è il ct della Nazionale maschile di ciclismo dal 2014

di Francesco Moroni "Che sapore ha per me il Mondiale? Mi viene in mente quando 52 anni fa andai a vedere quello vinto da Adorni... Avevo appena 7 anni". Nel turbinio di emozioni e ricordi che il ritorno del campionato del mondo di ciclismo a Imola può portare, ce n’è uno – se possibile – ancora più intenso degli altri. È quello di Davide Cassani, ct della Nazionale maschile, nato a Faenza. E il suo pensiero va in volata subito verso quell’immagine, vissuta quand’era solo un bambino: il trionfo di Vittorio Adorni nel ‘68. Un sapore unico, quindi. "Beh, del tutto particolare. Poter ospitare un Mondiale è sempre un’emozione, rivederlo a Imola è a dir poco stupendo". E sul circuito? Cosa ci dice? "È sempre stato la mia palestra. Ho iniziato a pedalare qui da piccolo: tornare da commissario tecnico della Nazionale è qualcosa di bello, di incredibile". Una competizione che arriva in un anno difficilissimo, per tanti versi storico: assume ancora più valore di fronte allo scenario della pandemia? "Lo sport è un grande strumento, un modo per guardare avanti. Dona la capacità di risollevarsi e risolvere le ferite. E c’è qualcosa di ancora più speciale". Cosa? "Il fatto che la nostra regione, in questo 2020, abbia fatto dello sport un faro per illuminare una strada buia. Penso al ritorno della Formula 1 a Imola, al Moto Gp, ora il Mondiale di ciclismo. È stato fatto tanto e tutto questo regala grandi emozioni dopo mesi davvero drammatici". La risposta delle istituzioni è stata fondamentale, dunque. "L’Emilia-Romagna ha dato subito disponibilità dopo la marcia indietro svizzera ed è stata in grado di organizzare una competizione complessa come un Mondiale in sole tre settimane. Questo parla da sé". Cosa ha fatto la differenza? "Sicuramente le garanzie che è in grado di dare l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari sono state l’arma vincente. Parliamo di strutture ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?