Castel del Rio, 17 aprile 2018 - Non è stato  un lavoro semplice recuperare e salvare un cavallo caduto in una cisterna a Coniale, sull’Appennino sopra Castel del Rio. Ma l’avventura ha avuto un lieto fine: l’animale sta bene. Da un podere in cui un imprenditore fiorentino tiene diversi animali l’altro giorno era giunto un allarme: un cavallo, di nome Ramon, era finito dentro una cisterna profonda tre metri utilizzata per la raccolta dell’acqua, con un metro e mezzo di acqua sul fondo. Non era precipitato del tutto, però: il suo passaggio sopra la copertura a protezione del serbatoio era infatti riuscito per la parte anteriore, ma non per le zampe posteriori. Con un grande riflesso, il cavallo – di nome Ramon – era comunque riuscito ad ‘aggrapparsi’ al bordo della cisterna con le zampe anteriori. «Come un cristiano», è stato notato durante i soccorsi.

I quali  soccorsi si sono materializzati nell’arrivo dei Vigili del fuoco da Borgo San Lorenzo (per poche centinaia di metri lì si è già in Toscana, in provincia di Firenze) e del veterinario Valerio Calderoni, chiamati dal custode degli animali, Fabio Scarpa.

E qui è cominciata la lunga operazione di salvataggio, protrattasi per quattro ore. L’animale è stato semi-addormentato con un tranquillante dal medico. Ramon era infatti molto agitato e non sarebbe stato possibile issarlo senza problemi. Poi il cavallo, del peso di circa quattro quintali e mezzo, è stato imbragato e sollevato. Non senza fatica: il verricello agganciato al mezzo dei pompieri di Borgo alla fine di tanti sforzi ha però riportato Ramon sulla terraferma. Il medico veterinario lo ha visitato e trovato in buone condizioni; la mezza caduta gli aveva provocato solamente qualche sbucciatura e un bello spavento.

ma. mar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA