Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imola, cimitero Piratello tra alti e bassi. "Belle le nuove zone, ma mancano i bagni"

2 novembre, "Nella parte vecchia però ci sono zone pericolanti"

di MIRKO MELANDRI
Ultimo aggiornamento il 2 novembre 2017 alle 07:12
Cimitero Piratello (foto Isolapress)

Imola, 2 novembre 2017 - L’appuntamento con la visita ai propri cari defunti si concentra ogni anno tra il giorno dei Santi e quello della Commemorazione. I cittadini non si dimenticano di portare un mazzo di fiori o un cerino sulla tomba all’interno del cimitero del Piratello. Il Comune ha svolto lavori di miglioria in risposta alle varie denunce di in parecchie parti del camposanto. Carlotta Gaiba è cosciente degli sforzi del Comune ma dice: «Dovrebbero accelerare i tempi della ristrutturazione esterna perché tante tombe non sono agibili. I servizi igienici poi sono da migliorare. In questo periodo si cerca di rendere l’ambiente più accogliente ma poi, durante l’anno, diverse cose sono tralasciate. I ladri? Ultimamente hanno rubato due mazzetti».

Giovanni Massa non si lamenta: «Chi di dovere si impegna abbastanza anche se, a volte, l’erba è troppo alta. Poi ci vorrebbe un servizio di vigilanza per evitare le ruberie». Giuseppe Giangiordano si sofferma sui servizi igienici: «Se apro un’attività mi obbligano a installare il bagno e non capisco allora perché il Comune non dia l’esempio provvedendo a costruirlo anche per i fiorai. Poi credo che siano state spese cifre assurde per approntare la rampa per disabili». Laura Bergami è critica: «Si può fare di più. La rampa è una bella invenzione, ma anche chi va con le proprie gambe non può salire su scalini troppo alti».

Gabriele e Giacomo Gaddoni e Lucia Lazzari fanno una distinzione: «La parte nuova è bella, mentre certi punti della vecchia sono pericolanti». Alessandro Ranieri e Cristina Casadio Loreti pensano positivo: «La struttura è in perfetto ordine. C’è attenzione per i disabili grazie all’accesso più confortevole possibile. Il parcheggio? E’ problematico solo in giorni come questi». Tra i fiorai, Anna Scarpa fa il punto: «L’andamento è come quello dell’anno scorso. Il flusso di gente è stato buono e si è lavorato bene. Ma alcune tombe sono ancora spoglie e così rimaranno, ma ci dobbiamo abituare. I prezzi? Un crisantemo costa due euro, un’orchidea 3,50 euro».

La veterana Elena Ferlini ha le idee chiare: «Si lavora sempre meno, le spese sono tante e l’incasso è poco. Stiamo lavorando da una settimana e domani (oggi, ndr) ci sarà un po’ di gente la mattina per la funzione del vescovo mentre nel pomeriggio non ci sarà nessuno».

Patrizia e Valentina Giangiordano di Pattifleur chiosano: «Ci ha aiutato il tempo. Il boom c’è stato nei giorni scorsi, mentre gli altri anni si lavorava molto per i Santi. Il problema dei bagni ormai è eterno. Ora c’è pure quello dell’orario. Chiudendo alle 18.30 non viene quasi nessuno e chi lo fa, senza illuminazione, rischia di cadere. E poi chi paga le conseguenze?».

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.