In seguito a una delibera della Regione che prevede nuovi fondi per l’affitto nell’ambito dell’emergenza Covid-19, il Comune ha pubblicato un bando per assegnare contributi una tantum, per 40.237,52 euro, a favore della rinegoziazione dei canoni di locazione dei nuclei familiari residenti, con Isee ordinario oppure corrente – anno 2020 – non superiore a 35mila euro....

In seguito a una delibera della Regione che prevede nuovi fondi per l’affitto nell’ambito dell’emergenza Covid-19, il Comune ha pubblicato un bando per assegnare contributi una tantum, per 40.237,52 euro, a favore della rinegoziazione dei canoni di locazione dei nuclei familiari residenti, con Isee ordinario oppure corrente – anno 2020 – non superiore a 35mila euro. Possono presentare la domanda i residenti titolari di un contratto di locazione (escluse le categorie catastali A1, A8, A9) già registrato all’Agenzia delle Entrate o in corso di registrazione, o in possesso di contratto di assegnazione in godimento di un alloggio di proprietà di cooperativa di abitazione con esclusione della clausola della proprietà differita. I contributi saranno concessi se i proprietari degli alloggi in cui risiedono i richiedenti, al 10 marzo 2020, abbiano ridotto di almeno il 10% per 6 mesi il canone di locazione di un contratto libero o concordato o transitorio; oppure abbiano trasformato un contratto di locazione libero in un contratto concordato; oppure ancora abbiano stipulato un nuovo contratto di locazione concordato per un alloggio prima sfitto, o locato per finalità turistiche. Non può presentare domanda chi ha ricevuto un contributo del Fondo per l’emergenza abitativa o per la morosità incolpevole, o il contributo affitto previsto dal bando regionale scaduto il 12 giugno. Non possono presentare domanda nemmeno i nuclei assegnatari di alloggi Erp. I contributi verranno concessi agli affittuari, in possesso dei requisiti previsti, fino ad esaurimento del fondo, secondo l’ordine di arrivo delle domande, certificato dal numero di Protocollo e dall’orario. Domande entro le 17,30 del 3 settembre 2020 tramite Pec a comune.castelsanpietro@cert.provincia.bo.it , o in forma cartacea all’Ufficio Solidarietà e politiche giovanili in piazza XX Settembre 5, su appuntamento.