Il Coronavirus rallenta nell'Imolese (Foto Ansa)
Il Coronavirus rallenta nell'Imolese (Foto Ansa)

Imola (Bologna), 31 marzo 2020 - Il Coronavirus rallenta, ormai da un paio di giorni, ma purtroppo non si ferma la conta dei morti. C'è una nuova vittima a Medicina, un uomo di 81 anni, anche lui - a quanto pare - allì'interno del 'giro' delle bocciofile.

I numeri. Sono 7 in più i tamponi risultati positivi al Covid-19. Si riferiscono a due residenti a Imola, due a Castel San Pietro, un residente a Medicina, uno a Mordano e uno a Casalfiumanese. E' costante la crescita dei nuovi malati in città, come anche nel comune termale. Tutto sommato si tratta di numero contenuto di positivi, a cui ieri si sono aggiunte due nuove guarigioni.

Leggi anche Buoni spesa: cerca il tuo Comune / PDF  Pregliasco: "Picco vicino" - La cura a domicilio  Lo studio: "Ecco quando si azzereranno i contagi"

Salgono quindi a 260 i casi positivi refertati nel Circondario Imolese (compresi 6 guariti con doppio tampone negativo, 2 guariti clinicamente e 24 decessi). Si tratta di 163 uomini e 97 donne; 146 residenti a Medicina, 69 a Imola, 24 a Castel San Pietro Terme, 4 a Dozza, 3 a Castel Guelfo, 3 a Casalfiumanese, 3 a Mordano, 1 a Borgo Tossignano e 7 persone residenti fuori dal Circondario.

Tra i positivi 21 hanno 85 e più anni, 62 tra i 75 e gli 84 anni, 63 tra 65 e i 74 anni, 114 tra i 14 e i 64 anni (e più precisamente, analizzando ulteriormente il dato con le linee che utilizza solitamente il Ministero della Salute: 29 nella classe d’età 14-39 e 85 tra i 40 e i 64).

Nel frattempo sono 6 le persone ricoverate nel nuovo reparto ECU, 12 le persone Covid positive in Terapia Intensiva, 51 i ricoverati nel reparto Covid e 10 quelli ricoverati in post acuzie all'Ospedale di Comunità di Castel San Pietro Terme. Sono state anche effettuate le prime 5 visite nell'ambulatorio infettivologico dell'Ospedale di Imola a pazienti che hanno avviato la terapia a domicilio. Una persone è stata ricoverata, mentre 4 sono tornate a casa propria per proseguire la terapia fra le mura domestiche.