Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imola, allarme corse clandestine in via Primo Maggio

Un testimone: "Non gare di velocità, ma di abilità". Ragazzi filmavano seminascosti nei fossati

di MATTEO RADOGNA
Ultimo aggiornamento il 2 settembre 2018 alle 07:20
Sgommate e derapate, con auto dal motore modificato

Imola, 2 settembre 2018 – Sfrecciano come bolidi, scartano gli ostacoli, accelerano e poi inchiodano, alle prime luci dell’alba. E tra il boato dei motori, frenate improvvise e schiamazzi notturni i residenti della zona sono sul piede di guerra. A segnalare le corse clandestine nel piazzale di via Primo Maggio, di fronte a via Cesena, un cittadino, E. M., che ha visto dal balcone di casa le gare pazze. Due giovani alla guida di utilitarie (probabilmente elaborate), che alle 6 del mattino invece di prepararsi per andare a lavorare, hanno trasformato il parcheggio in un circuito.

Il residente riferisce di non avere notato nessuno intorno alle vetture, ma c’è chi, fra i residenti, avrebbe intravisto altri giovani assiepati nei fossi, intenti a riprendere con i telefonini la gara. Nelle settimane precedenti le corse clandestine si erano verificate a Sala Bolognese e Medicina, sempre sulla Trasversale di Pianura. Stavolta, invece, i giovani ‘piloti’ si sono spostati in via Primo Maggio, un lungo rettilineo che culmina, per l’appunto, nel piazzale di fronte a via Cesena.

Il cittadino racconta: «Non era una gara di velocità, ma di abilità al volante, perché facevano finta di andare l’uno contro l’altro. Provavano curve mozzafiato e tutto, apparentemente, senza alcun motivo». L’uomo a questo punto ha deciso di segnalare l’accaduto: «Dicono che bisogna sempre informare le forze dell’ordine. così ho preso il telefono e ho chiamato il 112». Dal balcone di casa ha visto la scena in diretta: «Ho visto il lampeggiante degli uomini dell’Arma in lontananza. Anche i due giovani, purtroppo, se ne sono accorti».

E così è scattata la fuga: «Con l’arrivo dei militari, ho sentito delle urla: «Via, via», gridavano i ragazzi alla guida. Dopo di che si sono volatilizzati senza lasciare traccia. Le uniche ‘impronte’ erano quello degli pneumatici sulla terra. I carabinieri sono rimasti per più di un’ora, anche per controllare che ci fossero indizi utili a identificarli. Se dovesse riaccadere telefonerei di nuovo alle forze dell’ordine». Infine, una considerazione: «Quei due sembravano matti, quasi come se fossero sotto l’effetto di stupefacenti».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.