Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imola, 11 settembre 2018 - Centinaia di ‘articol’, tra armi vere e proprie e oggetti atti a offendere, sono stati sequestrati dalla Polizia imolese, in collaborazione con gli agenti del Reparto prevenzione crimine di Bologna, in autodromo durante il primo giorno della mostra-scambio promossa da Crame. E l’operazione è andata in porto proprio grazie al Crame, come sottolineato dal dirigente il commissariato di Imola, Michele Pascarella. Si tratta di un sequestro inquietante, per il tipo di armi sequestrate – c’era anche un taser perfettamente funzionante – e per la loro qualità.

Nel furgone di un polacco di 59 anni, era nascosto un arsenale, e non di sole armi bianche: più di cento storditori (fra tirapugni, torce e a telescopio, un telefono atto allo scopo), circa duecento pugnali, uno spray contenente una sostanza pubblicizzata con adesivo come peperoncino («ma non è peperoncino, dobbiamo indagare per capire, ha detto Pascarella), due pistole ad aria compressa, ma senza la specifica della potenza («in assenza di questa etichetta con i joule in chiaro, sono armi vere»), poi il pezzo forte, ovvero il taser.

LEGGI ANCHE Imola, Finanza al Crame. Sequestrati 15mila articoli contraffatti

Si tratta di quell’arma in uso alla Polizia negli Usa, per esempio, e ora in fase di sperimentazione in 12 città italiane, Bologna compresa (ma non Imola). Dello strumento elettrico sequestrato non si conosce ancora la potenza (di quello in uso ora in Italia sì) perché non è identico. E insieme ai coltelli, tutti di genere proibito, è spuntata anche una carta di credito speciale: un autentico coltello, ingegnosamente ricavato piegando gli angoli di plastica della falsa carta che nasconde al suo interno una lama in acciaio. «Per acquistarlo in Italia occorrono licenze speciali», ha aggiunto il dirigente. Ovvio che il polacco nulla aveva di tutto questo, e per questo è indagato – a piede libero – per porto abusivo e detenzione d’arma e armi improprie. La Polizia sta svolgendo indagini anche per capire a quali altre manifestazioni di questo tipo il polacco sia andato in Italia. Il furgone su cui si muoveva non risulta essere di provenienza furtiva.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.