Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 apr 2022

"Effetto Ferrari, sarà un Gp di Imola da batticuore"

L’entusiasmo di Trulli per il ritorno del pubblico: "Pronti a vivere tre giorni fantastici, questo è un tracciato che sa esaltare i piloti"

21 apr 2022
mattia grandi
Cronaca
Un’immagine di Jarno Trulli nel 2005, in Formula 3 correrà il figlio Enzo
Un’immagine di Jarno Trulli nel 2005, in Formula 3 correrà il figlio Enzo
Un’immagine di Jarno Trulli nel 2005, in Formula 3 correrà il figlio Enzo
Un’immagine di Jarno Trulli nel 2005, in Formula 3 correrà il figlio Enzo

Dai ricordi di Jarno alle speranze di Enzo. Imola è un affare tutto in famiglia quando sulla carta d’identità il cognome è quello di Trulli. Un padre che vanta 252 Gran Premi disputati in Formula 1, coronati da una vittoria ed 11 podi iridati, ed un figlio pronto alla sfida continentale con la Formula 3 del team Carlin.

Trulli, ancora pochi giorni poi sarà tempo del Gp del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna.

"Una vigilia carica di euforia e trainata dagli straordinari risultati raccolti dalla Ferrari in questa prima parte di stagione. Ad Imola si attende un’autentica marea rossa".

Già, il maxi esodo in Romagna dei tifosi della scuderia del Cavallino Rampante.

"E’ la prima tappa europea del calendario, la gara di casa per la Ferrari. Unica nota dolente potrebbe essere il meteo che, stando alle attuali previsioni, riserverebbe un possibile fine settimana bagnato".

Biglietti a quota 130mila ed alberghi sold out. La Formula 1 genera indotti.

"Un evento importantissimo con un giro d’affari inimmaginabile per tutto il territorio. Potremmo paragonarlo al Super Bowl negli Stati Uniti. Noi, in Italia, siamo fortunati perché vantiamo addirittura due Gran Premi. Come ai bei tempi".

La città riabbraccia una parte della sua storia sportiva dopo due edizioni a porte chiuse ed un’attesa lunga quasi tre lustri.

"Una parentesi d’astinenza troppo lunga per un circuito come l’Enzo e Dino Ferrari. Sono contento anche per il mio amico Gian Carlo Minardi che presiede la società di gestione di uno dei tracciati più belli al mondo". E un imolese, Stefano Domenicali, è al timone del circus. "Con lui è riesploso l’interesse attorno al pianeta Formula 1. Un bel segnale per tutti dopo il biennio di restrizioni pandemiche. Imola dimostrerà ancora una volta di essere all’altezza della sua fama. Vetrine di questa caratura generano effetti positivi a cascata, per la città e per la nazione".

Una pista che i piloti adorano. "Tracciato vecchio stile dove gli errori si pagano. Circuito tecnico, selettivo, pieno di varianti e chicane. Una pista che offre tanti spunti interessanti e dove il meteo, lo abbiamo già visto lo scorso anno, diventa un elemento decisivo".

Ferrari da 10 in pagella. In ritardo Verstappen ed Hamilton.

"I cambi di regolamento hanno rimescolato le carte. La Ferrari aveva promesso una vettura competitiva, oggi è la migliore del lotto. E’ l’auto da battere". Meno bene Red Bull e Mercedes.

"Sono entrambe in ritardo. La Red Bull è a caccia di più affidabilità, ma sarà la vera antagonista della Rossa per la lotta al vertice. Meno chances di successo finale per la Mercedes".

Il suo sarà un weekend imolese anche da padre di un pilota di Formula 3 in gara.

"Per mio figlio Enzo si tratterà della seconda uscita nella specialità. Una categoria che non era nei nostri programmi annuali, la chiamata è arrivata davvero all’ultimo istante. Serviranno tempo e chilometri, adesso siamo ancora un po’ indietro. Nella seconda parte della stagione, potranno emergere le sue qualità".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?