Quotidiano Nazionale logo
10 mar 2022

Gelate, gli agricoltori invocano le polizze

Scala (Coldiretti): "Serve copertura assicurativa per i danni da freddo". Gabaldo (Confagricoltura): "Termometri in picchiata, gemme a rischio"

Il percorso a ostacoli del comparto agricolo locale non conosce soste. L’ormai conclamata ciclicità degli effetti dei cambiamenti climatici si abbatte sistematicamente su un settore già in affanno da diverso tempo. Le ultime giornate, inoltre, hanno presentato il nuovo conto della morsa del gelo anche in area imolese. Temperature notturne che hanno raggiunto perfino i meno 7 gradi mettendo a repentaglio l’avanzato stato vegetativo di piante come l’albicocco ammaliate dai pomeriggi caldi di gennaio e febbraio. "Un film che si ripete – commenta Alessandro Scala, vice direttore della Coldiretti Bologna e segretario di zona ad Imola -. Una piaga che si abbina alle attualissime problematiche legate all’aumento vertiginoso dei costi di gasolio e concimi, addirittura triplicati, e alla mancata copertura assicurativa per i danni da gelo". Proprio nel momento in cui le campagne assicurative dovrebbero entrare nel vivo. "La difficoltà del dialogo con le compagnie di assicurazione non risparmia neppure i consorzi di difesa – specifica -. Sono ore di angoscia per gli agricoltori privi di un paracadute di salvataggio e con lo spettro di altri raccolti scarsi". Una lacuna che potrebbe colmarsi soltanto nel 2023. "Quando prenderà forma quell’assicurazione obbligatoria tanto invocata – puntualizza Scala -. Una sottoscrizione in stile automobili alla quale poter poi aggiungere pacchetti per gli optional". Allarme rosso anche sul fronte siccità. "Preoccupano gli attuali livelli di guardia tarati sugli indici del fiume Po – analizza il referente di Coldiretti -. Occorrono sensibili miglioramenti alla rete idrica per potenziare le risorse destinate al comparto. In area imolese ci sono importanti progetti per distretti irrigui sviluppati dai consorzi che operano in Emilia e in Romagna". Ma il quadro resta complesso. "Occorre ripensare il modello agricolo italiano – conclude Scala -. Per le materie agricole dipendiamo da altri Paesi quando abbiamo zone con buone potenzialità in stato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?