Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
13 giu 2022

Giustizia, il referendum senza battiquorum

In città e nel circondario alle 19 votanti fermi al 13%, sotto la media nazionale. I cinque quesiti fanno peggio della consultazione sulle trivelle

13 giu 2022
rosalba carbutti
Cronaca

di Rosalba Carbutti

Quorum non pervenuto. I cinque quesiti sulla giustizia non hanno scaldato i cuori dei 53.211 elettori imolesi. E il 50 per cento più uno degli aventi diritto al voto è rimasto un traguardo impossibile da raggiungere a partire alle prime rilevazioni dell’affluenza. Già alla vigilia il clima sul referendum era tiepido, ma le bassissime percentuali dimostrano il flop. Un fallimento ancora peggiore di quello del 17 aprile 2016 sulle trivellazioni: allora solo il 34,4 per cento degli imolesi andò a votare, questa volta si prefigura (stando ai dati delle 19) un risultato ancora peggiore. Già i primi risultati di mezzogiorno con un’affluenza ferma al 6,5% anticipava che raggiungere il quorum era fuori dalla portata dei 5 quesiti su legge Severino, separazione delle carriere, valutazione dei magistrati, riforma del Csm, maggiori limiti della custodia cautelare.

Alle 19 sotto l’Orologio l’affluenza era ferma al 12,9%, sotto la media nazionale (al 14%), ma comunque un poco superiore a quella bolognese, inchiodata al 12,1%. Partecipazione che resta, comunque, più bassa anche rispetto al dato regionale che veleggiava prima della chiusura dei seggi attorno al 15 per cento. Numeri, comunque, al lumicino se consideriamo che alle Comunali in regione alle 19 era andato ai seggi oltre il 41% degli elettori.

Guardando al circondario, c’è anche qualche comune meno virtuoso in termini di affluenza: Borgo Tossignano e Casalfiumanese, ad esempio, superano di poco il 10% alle 19, mentre Medicina non raggiunge il 12%. Mordano sfiora il 12,5%, poco di più Castel San Pietro mentre Castelguelfo, Dozza e Castel Del Rio, sebbene di poco, oltrepassano il muro del 13%. In linea con la media nazionale, invece, Fontanelice dove il 14% ha scelto di andare ai seggi.

Al di là della mappa referendaria, resta impietoso il confronto anche con la consultazione sulle trivelle (che, comunque, non raggiunse il quorum), dove nel 2016 alle 19 era già andato alle urne il 26,1% degli imolesi, il doppio di quanti hanno scelto tra il ’sì’ e il ’no’ per i cinque quesiti sulla giustizia. Senza contare, invece, il confronto con le altre consultazioni che, invece, raggiunsero il quorum. Su tutte, il referendum costituzionale del 2016 (a livello nazionale vinse il ’no’) dove a Imola raggiunse la partecipazione record del 77 per cento.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?