Grandi chef in cattedra. I maestri della cucina ospiti all’Alberghiero

Attesi il grande pasticcere Gino Fabbri, il gelatiere Andrea Bandiera, . Mario Ferrara, Massimiliano Poggi e, infine, Max Mascia del San Domenico.

Grandi chef in cattedra. I maestri della cucina ospiti all’Alberghiero

Grandi chef in cattedra. I maestri della cucina ospiti all’Alberghiero

Dietro la scrivania, cinque grandi chef. Gli alunni dell’istituto alberghiero ‘Bartolomeo Scappi’ di Castel San Pietro potranno vivere tra novembre e gennaio cinque pomeriggi di ‘scuola di cucina’ davvero imperdibili. I ‘prof’, infatti, rigorosamente con addosso la divisa e col cappello inamidato, saranno infatti cinque grandi firme della cucina non soltanto regionale, ma anche nazionale. Gli speciali cooking show si terranno sempre nel pomeriggio, in un orario compreso tra le 14.30 e le 18.30, con gli alunni delle classi seconde e terze che saranno accompagnati da un adulto. La partenza sarà col botto, perché il 21 novembre al Bartolomeo Scappi arriverà Gino Fabbri, pasticcere notissimo a Bologna, tra i più apprezzati in regione e anche oltre. Per stare in tema di dolcezza, il 6 in viale Terme approderà Andrea Bandiera, pluripremiato gelatiere padre della Cremeria Scirocco di via Mattei, colui che il gelato lo fa anche con pesto, tonno e cipolla, esperimenti tutt’altro che azzardati se è vero che anche il Gambero Rosso ha dimostrato di credere in lui. Dopo una settimana ad insegnare i suoi segreti agli alunni dello "Scappi" sarà Mario Ferrara, chef di origini lucane ma ormai trapiantato da decenni a Bologna, fresco di una nuova esperienza nel ribattezzato Scaccomatto agli Orti.

Dopo una pausa per le festività natalizie l’Alberghiero calerà il poker il 15 gennaio con Massimiliano Poggi, che crea e inventa da anni a Trebbo di Reno nel locale che porta il suo nome, prima di centrare il pokerissimo il 24 gennaio con l’arrivo di un ex alunno diventato big della cucina italiana: in cucina allo Scappi approderà, ma questa volta da insegnante, Max Mascia, l’erede di Valentino al San Domenico di Imola.

"Sono convinta sarà un’esperienza bellissima per i nostri alunni, e sono altrettanto certa che tanti di loro sapranno far tesoro di quei preziosissimi insegnamenti che arriveranno da cinque veri maestri della cucina italiana, che ringraziamo in anticipo per aver aderito alla nostra iniziativa", il commento a margine della Dirigente Patrizia Parma, che proprio in queste settimane inizierà ad accogliere nelle aule e nei laboratori i potenziali studenti di domani. Dal 17 novembre, infatti, prenderanno il via gli open day per tutti gli indirizzi scolastici.

Claudio Bolognesi