Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 mar 2022

I profughi sono qui: dieci a Casale Altri trenta a Castel San Pietro

Appello del prefetto Visconti: "L’obiettivo è riuscire ad avere 1.500 posti nell’area metropolitana". Prevenzione sanitaria: tamponi gratuiti al padiglione 12 dell’ex Lolli sei giorni la settimana dalle 9 alle 12.30

5 mar 2022
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra
Il prefetto Attilio Visconti fa il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini in fuga dalla guerra

Alle 13 di ieri erano 155 i cittadini ucraini arrivati nell’area metropolitana di Bologna e già censiti. Cinque in più rispetto agli spazi attualmente a disposizione. 70 profughi all’Unaway Hotel di San Lazzaro, 13 in due appartamenti dell’Opera Padre Marella, 10 in un Cas a Casalfiumanese, 30 in strutture private a Castel San Pietro ed è in corso di attivazione un Cas a Loiano per 28 posti. Lo fatto sapere il prefetto Attilio Visconti in un incontro. "In costante contatto con sindaci, Regione e Ausl faccio un appello a chi ha a disposizione strutture ricettive o appartamenti vuoti, da convertire in Cas per far fronte alle richieste di alloggi per i profughi. Sarebbe ottimale riuscire ad avere 30 posti per ciascun comune, per un totale di 1.500 su tutta l’area metropolitana – ha spiegato il prefetto –. Faccio appello a tutti i sindaci e cittadini che vogliano cimentarsi nell’esperienza di gestire un Cas di proporsi". Invocando allo stesso tempo, a livello centrale, procedure più ‘snelle’, perché "la disciplina giuridica che regola oggi la gestione dei Cas non va bene per questo tipo di emergenza". Intanto si muovono i sindaci dell’Imolese, dove si pensa di poter ospitare tra i 10 comuni una settantina di ospiti, tra bambini, donne e anziani. La “prima accoglienza” ai cittadini ucraini privi di alloggio sarà fornita tramite la rete dei Cas (Centri di accoglienza straordinari), gestiti da cooperative sociali eo associazioni, rispetto ai quali la Prefettura ha aperto il bando: è una procedura alla quale i gestori interessati possono candidarsi direttamente. I riferimenti al link: www.prefettura.itbolognanewsBandi_di_gara_e_contratti-13290319.htm#News_112715. Sarà prevista anche una “seconda accoglienza” attraverso la rete del SAI (Sistema di Accoglienza e Integrazione), per la quale il governo si sta attivando. Al momento la rete Cas e quella Sai sono le uniche che beneficiano di finanziamenti nazionali. Misure sanitarie: ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?