Quotidiano Nazionale logo
12 apr 2022

Il Lions dona 50 uova ai piccoli pazienti

Regalo di Pasqua per i ricoverati di Pediatria e Nido e Neuropsichiatria dell’Infanzia e adolescenza. "Una dimostrazione di affetto"

La donazione di cinquanta uova di Pasqua ai piccoli pazienti da parte del Lions Club Val Santerno
La donazione di cinquanta uova di Pasqua ai piccoli pazienti da parte del Lions Club Val Santerno
La donazione di cinquanta uova di Pasqua ai piccoli pazienti da parte del Lions Club Val Santerno

Una donazione dolce e speciale: 50 uova di cioccolato pasquali in dono ai bambini e ai ragazzi del reparto Pediatria e Nido e Neuropsichiatria dell’Azienda Usl di Imola. La donazione è stata organizzata dal Lions Club Val Santerno. "Sappiamo che oltre al reparto di Pediatria, anche il reparto di Neuropsichiatria infantile accoglie molti bambini. L’intento della donazione – spiega il presidente Umberto Sercecchi – è offrire a questi piccoli eroi un’attenzione e una dimostrazione di affetto, in un periodo di festa, che speriamo anche loro possano gustare". Il Lions Club Val Santerno da 40 anni opera a Imola e in Vallata promuovendo attività di sostegno alla comunità.

Molto contente Laura Serra, direttrice di Pediatria e Nido, e Giulia Suzzi, coordinatrice assistenziale di Neuropsichiatria dell’infanzia e adolescenza: "E’ una dolce sorpresa che donerà ai nostri bambini e ragazzi un momento di spensieratezza nei giorni di Pasqua. Il sostegno che riceviamo dal territorio, dai nostri cittadini e dalle associazioni, è molto importante perché ci fornisce un feedback che genera in noi nuove energie e nuova forza nell’affrontare le difficoltà del nostro lavoro: curare i bambini e i ragazzi nel miglior modo possibile". Il dg dell’Ausl, Andrea Rossi, presente al momento della donazione, ha ringraziato personalmente il Lions Club Val Santerno: "E’ un gesto di grande umanità e conforto sia per i bambini e ragazzi che per i genitori di questi piccoli eroi. Siamo molto contenti quando associazioni come questa ci dimostrano tutto il loro affetto e la loro gratitudine".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?