Il maestro delle forme, Bellettini strega la Rocca

Primo weekend di mostre per l’artista. Esposizioni fino al 3 di settembre

Il maestro delle forme,  Bellettini strega la Rocca

Il maestro delle forme, Bellettini strega la Rocca

Acciaio legno e vetro, plasmati dalle mani di un maestro della verticalità. Le affilate opere di Giovanni Bellettini (foto tonda) hanno conquistato la Rocca. Il monumento cittadino ha visto una grande affluenza di visitatori già da sabato pomeriggio, prendere parte all’inaugurazione della mostra antologica a lui dedicata, dal titolo “Giovanni Bellettini. Ad astra”. A cura di Beatrice Buscaroli e organizzata dal Comune di Imola e Imola Musei, grazie al sostegno di Con.Ami e al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

L’esposizione rimarrà aperta fino al 3 settembre, e raccoglie i momenti salienti della ricerca artistica dello scultore Giovanni Bellettini (Fanano 1937), presentando, in una quarantina di opere, la complessità del suo istinto alla verticalità. Allestite all’interno del suggestivo scenario della Rocca Sforzesca, queste opere narrano un percorso di quasi cinquant’anni di attività.

"Sono profondamente grato a quanti mi hanno concesso questa opportunità – commenta l’artista –, per me sicuramente irripetibile, e ringrazio vivamente tutti coloro che si sono adoprati per la sua realizzazione. Sopra ogni cosa, spero di cuore, che l’evento possa essere gradito ai cittadini di questa amata città".

La mostra allestita in rocca non esaurisce l’opportunità di conoscere il lavoro di Bellettini. "L’esposizione è anche l’occasione per rileggere con uno sguardo nuovo le grandi sculture, veri e propri monumenti realizzati dall’artista in vari spazi pubblici di Imola, che disegnano una sorta di mostra a cielo aperto, da visitare avendo come punto di partenza proprio la Rocca Sforzesca", conclude Giacomo Gambi, assessore alla Cultura.