Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 giu 2022

La città celebra il 2 giugno "Pace e libertà i nostri valori"

Il sindaco Panieri: "La Costituzione sia un punto di riferimento ogni giorno. Impegno e tenacia siano l’architrave su cui reggere la nostra Repubblica"

3 giu 2022

Uguaglianza, diritto alla salute e al lavoro. Il sindaco Marco Panieri pesca a piene mani dalla Costituzione nel giorno della Festa della Repubblica. L’obiettivo è quello di "fare ancora tanto: la Carta ci dice che è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che rendono le persone più diseguali (art.3), perché l’Italia è fondata sul Lavoro (art.1) e perché la Repubblica tutela la Salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, garantendo cure gratuite, anche agli indigenti (art. 32). Per un sindaco questi tre articoli sono fondamentali".

Principi diventati faro di un’identità nazionale, celebrata ieri pomeriggio prima di tutto con la deposizione di una corona di alloro alla lapide che riporta l’Albo d’Onore dei decorati al valor militare e per merito di guerra, posta sullo scalone del palazzo comunale. Un omaggio sulle note de ‘Il silenzio’, suonato da Riccardo Baldisserri, trombettista della Filarmonica Imolese. Poi il saluto ufficiale del primo cittadino in piazza Matteotti e il concerto della Filarmonica Imolese, della Banda Musicale Città di Imola, diretta dal maestro Gian Paolo Luppi. Diversi i brani proposti: dalle marce militari fino ai componimenti di Rossini o Dmítrij Šostakóvič. Ritenuto tra i più importanti compositori di scuola russa e, più in generale, della musica del ’900, vide spesso le sue opere censurate dal governo sovietico con cui era in conflitto: più che mai attuale in questo periodo. Tutti in piedi poi i cittadini sulle note dell’Inno di Mameli, nel nome di quei valori che Panieri non ha dimenticato di citare nel suo discorso. "Impegno, tenacia e talvolta il sacrificio devono essere l’architrave su cui reggere la nostra Repubblica. La ricorrenza che viviamo oggi (ieri, ndr) in tutto il Paeserappresenta uno snodo storico fondamentale che ha contribuito alla costruzione della nostra identità nazionale".

"La Costituzione dev’essere il punto di riferimento del nostro agire quotidiano. Di questa scelta e di quei valori dobbiamo essere eredi orgogliosi e vigili. E senza dare nulla per scontato: penso in questo tempo al valore

irrinunciabile della Pace, che deve essere una priorità assoluta di chiunque abbia un ruolo di responsabilità". Proprio parlando di pace, Panieri ha lanciato un appello "i conflitti bellici, che gravano soprattutto sulla popolazione civile, devono essere interrotti. Non solo in Ucraina, a seguito dell’ingiustificata e intollerabile invasione russa, ma in tutto il mondo".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?