La ‘Notte del Muro dipinto’. Tra arte, golosità e magia

Presenti politici e ospiti di rilievo nel salotto di Patrizia Finucci Gallo. Poi laboratori per bambini e visite guidate: "Così promuoviamo il territorio".

La ‘Notte del Muro dipinto’. Tra arte, golosità e magia
La ‘Notte del Muro dipinto’. Tra arte, golosità e magia

La 29esima edizione della Biennale del Muro Dipinto di Dozza supera il giro di boa del suo ricco programma e si prepara a vivere uno dei momenti più suggestivi e scenografici. Tutto pronto, a partire dalle 20 di questa sera, per la ‘Notte del Muro Dipinto’ nel cuore pulsante dell’antico borgo. Artisti al lavoro sotto il cielo stellato, e con il favore di potenti fari, per la gioia dei visitatori che avranno modo di osservare da vicino l’evoluzione delle nuove opere e dei restauri fedeli al tema della kermesse ‘L’arte in progress’.

Ma il viaggio serale comincerà dalla scoperta della Cantina Dipinta di Vicolo Campeggi, tra le tappe più gettonate delle visite guidate in partenza dalla Rocca. Alle 21, in piazza Zotti, sarà poi la volta dello show con ‘Il salotto di Patrizia Finucci Gallo’. Ospiti diversi personaggi di spicco del mondo della politica, dell’arte e dello spettacolo. Tra questi l’artista faentino Nevio Bedeschi, lo stilista Davide Muccinelli, Harry Baldissera della residenza d’artista ‘Paciu Maison’ e il filosofo Carlo Monaco. Attesi anche Stefano Ughi, Ivo Aybar Bianconi, Niko Ceniviva, Ilaria Chia, Annamaria Maccaferri, il consigliere regionale Andrea Costa, Simonetta Mingazzini ed Elisabetta Cameli. Il tutto incastonato in una cornice scenica fiabesca impreziosita dall’apertura straordinaria dei ristoranti locali per cena.

Spazio alle novità, invece, in chiave diurna. Appuntamento alle 10 nella Sala Grande della Rocca dove si terrà l’incontro di formazione dedicato alle guide turistiche per scoprire nuovi modi di raccontare Dozza e il Muro Dipinto ai turisti.

"Abbiamo organizzato questa iniziativa perché crediamo nell’importanza della cultura all’interno della nostra società – sottolinea la presidente della Fondazione Dozza Città d’Arte, Simonetta Mingazzini –. Un modo per valorizzare e porre l’accento sull’importanza del ruolo delle guide turistiche che lavorano ogni giorno per la divulgazione e promozione del settore. In tal senso, Dozza ne sa qualcosa con i suoi crescenti flussi turistici che popolano ogni giorno il paese".

Nel corso del pomeriggio, invece, proseguiranno i laboratori creativi dedicati ai più giovani tra pennelli, tempere e tavolozza. Momenti di apprendimento, approfondimento e condivisione capaci di stimolare la creatività dei partecipanti. Dalle ore 16 alle 18, in piazza Zotti, andranno in scena due attività a ingresso libero: ‘Modi d’arte’, curata da Nicoletta Chiarini e riservata ai più piccoli, e ‘Prove d’artista’ insieme agli allievi della scuola di acquerello di Mara Guerrini.