Manuela Sangiorgi guida un’amministrazione pentastellata (Foto Isolapress)
Manuela Sangiorgi guida un’amministrazione pentastellata (Foto Isolapress)

Imola, 15 agosto 2019 - Sindaca Manuela Sangiorgi, a Roma il governo gialloverde è al capolinea e Massimo Bugani si è dimesso da vicecapo della segreteria di Luigi Di Maio; a Imola alcuni componenti della maggioranza pentastellata litigano con lei e con i suoi assessori. Insomma, un Ferragosto infuocato per il M5s.
«Il clima è sicuramente caldo, ma io sono impegnata nel governo della città e le questioni romane mi interessano poco. Quello che penso di Bugani poi l’ho già detto a chiare lettere: non è una persona che ha contribuito a far volare i Cinque stelle, ma io e lui siamo d’accordo sul fatto di non andare con il Pd; fare un governo con loro è un’ipotesi da non prendere nemmeno in considerazione. Per quanto riguarda la maggioranza a Imola, invece, nel gruppo consiliare sicuramente con due o tre persone non si è proprio sulla stessa lunghezza d’onda a volte; ma mi aspetto più collaborazione da parte di tutti. E’ una grande partita quella che stiamo giocando dopo 70 anni e i cittadini si aspettano tanto. Bisogna rimanere uniti».
Qual è il primo tema che porterà in Giunta dopo le ferie estive? 
«Una bella novità sul trasporto pubblico urbano che gli imolesi aspettavano da tempo: il ripristino di una linea che porti in centro e vada poi a raggiungere quelle zone, come ad esempio la Pedagna Est o viale Marconi, servite oggi poco o niente. E poi dovremmo riuscire a portare avanti quelle opere pubbliche, ben 33, deliberate il 24 dicembre scorso più altre arrivate durante l’anno. Sono tutte molto importanti per Imola. Ci siamo un po’ impantanati a causa di Area Blu, ma dovremmo vedere un nuovo corso per la nostra partecipata. Spero già in autunno».
Nella sua squadra manca sempre l’assessore allo Sport...
«Lo sto ancora cercando. Voglio una persona che sia conosciuta negli ambienti imolesi. Speravo di trovarlo prima di agosto, ma arriverà. E comunque confermo che la delega all’Autodromo la terrò io».
Nel frattempo, però, continuano le voci su un possibile addio già a settembre dell’assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici, Massimiliano Minorchio...
«Lui con me ha parlato di difficoltà, ma non ha detto che lascia. Non so se qualcuno nel suo ufficio abbia origliato qualcosa di diverso. Vediamo se ci saranno sviluppi nei prossimi giorni, ma si troverà una soluzione anche lì. Non sarà un problema, si cercheranno persone con delle professionalità come le sue».
Come va il dialogo con l’Accademia pianistica? Vi siete rivisti dopo lo scontro delle scorse settimane sul progetto dell’Osservanza? 
«Assolutamente no. Hanno chiesto un appuntamento a settembre, vedremo...».
E con l’Imolese calcio, invece, com’è la situazione? Quando partiranno i tanto attesi lavori allo stadio?
«Avrei già aver voluto vedere le nuovi luci al Galli, a questo punto dell’anno; però confido che arrivino il più presto possibile. Ci sono state delle lungaggini a causa di Area Blu per un progetto (quello di riqualificazione generale dello stadio, ndr) respinto due volte dal Coni in quanto conteneva delle valutazioni sbagliate. Ci hanno fatto fare una bruttissima figura. Ho dovuto alzare i toni per estrapolare dal progetto e mandare avanti solo la parte sull’impianto di illuminazione. Faremo un investimento con il Credito sportivo. Purtroppo negli enti pubblici le tempistiche le conosciamo, passano mesi molto facilmente. Ma la parola data verrà mantenuta». 
Di che tipo di investimento parliamo? 
«Da oltre 500mila euro. Ci sono quattro torri faro da 30 metri con un’illuminazione importante. Un impianto buono sia per la Serie C che per la B. Visto che stiamo andando alla grande, vogliamo pensare di poter crescere ancora...».
Dal calcio ai motori: sabato e domenica in Autodromo torna il mondiale di motocross. La vedremo ancora in Autodromo? E cosa ne pensa di questa data così particolare nel weekend subito dopo Ferragosto? 
«Sarò presente per la premiazione, non posso mancare. Sicuramente è un periodo un po’ strano... Spero comunque che ci sia tanto pubblico. Ero in spiaggia e ho sentito la pubblicità per portare i turisti a Imola dalla Riviera. Devo dire che è stata una bella cosa. Anche in Autodromo si è lavorato bene per ultimare il tracciato. Ora c’è grande attesa. Siamo diventati anche la culla del motocross agonistico. E siamo molto orgogliosi di esserlo».