Amilcare Renzi* L’Emilia Romagna in zona bianca è la classica luce in fondo al tunnel che dà ai nostri operatori una ulteriore carica, che si esprime nella qualità dei servizi e nella capacità di promuovere al meglio i prodotti. Il lockdown è stata pesante, ha fermato molti operatori, ma questa è gente che non è stata seduta sul divano. Le serrande restavano chiuse, ma dentro alla bottega si continuava a...

Amilcare

Renzi*

L’Emilia Romagna in zona bianca è la classica luce in fondo al tunnel che dà ai nostri operatori una ulteriore carica, che si esprime nella qualità dei servizi e nella capacità di promuovere al meglio i prodotti. Il lockdown è stata pesante, ha fermato molti operatori, ma questa è gente che non è stata seduta sul divano. Le serrande restavano chiuse, ma dentro alla bottega si continuava a pensare alla riapertura. Ed ora ciò che balza agli occhi è la forte innovazione che hanno saputo imprimere alle loro attività, nessuna esclusa, dando, come nel caso del turismo e della ristorazione, una straordinaria forza al valore dell’accoglienza e alla qualità dell’offerta in qualsiasi angolo del nostro circondario. Non mi stancherò mai di dirlo: questi operatori sono degli eroi e sono convinto che si sia davvero imboccata la fase della modernizzazione delle piccole imprese dell’artigianato. Non bisogna poi dimenticare che c’è una comunità che sta rispondendo alla grande alla chiamata degli operatori. E’ bellissimo camminare nei paesi e nei borghi, anche nelle aree più marginali del territorio, trovare le botteghe aperte e potere consumare negli spazi che tutti hanno predisposto all’esterno. Sono segnali di grande solidarietà e di vicinanza. E speriamo che questo possa avvenire presto per tutte le attività che ancora stanno soffrendo. Chi fa impresa ha tra le sue caratteristiche la positività, non nego una certa preoccupazione in vista del prossimo autunno, ma siamo convinti che la comunità scientifica, com’è riuscita con le vaccinazioni, sappia anche fare fronte ad eventuali problematiche future. La seconda dose del vaccino renderà più tranquillo il percorso verso la normalità e il “Green pass”, o certificato verde, è qualcosa di più di una semplice attestazione, è un ulteriore elemento di serenità, ci rende tutti più tranquilli. Dopo un anno di grandi preoccupazioni e tensioni, ci fa guardare con fiducia al futuro e a quella vita sociale che avevamo abbandonato da tempo.

*segretario Confartigianato Bologna Metropolitana