Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

Parte il lavoro del Tavolo tecnico contro i maltrattamenti

Ne fanno parte Circondario, Ausl, Asp e le associazioni che si occupano in prima persona delle vittime di violenza

I membri del Tavolo tecnico di contrasto al maltrattamento delle donne
I membri del Tavolo tecnico di contrasto al maltrattamento delle donne
I membri del Tavolo tecnico di contrasto al maltrattamento delle donne

Al Circondario è stato presentato ieri il Tavolo tecnico di contrasto al maltrattamento delle donne e le attività dei Comuni in questo particolare ambito. Il tutto nella Giornata dell’8 marzo, dedicata ai diritti delle donne. Ma parlando di diritti, non si può dimenticare tutto l’orribile mondo che ruota intorno alla violenza sulle donne. E dunque, ecco i dati del 2021. Al Pronto soccorso dell’ospedale si sono registrati 123 accessi per lesioni, fatti da 102 donne (alcune di loro sono andate più di una volta nel corso dell’anno). Settantadue le italiane, trenta le straniere. Nel 2021 si sono rivolte al Pronto soccorso ginecologico sei donne. Alla presentazione del Tavolo, è stato sottolineato che "spesso le vittime non se la sentomo di recarsi immediatamente dopo al violenza al Pronto soccorso", ma "minore è il tempo che intercorre tra l’aggressione e la visita, più è probabile raccogliere reperti utili all’identificazione del’aggressore". E nel 2021 sono state ricoverate al reparto di Ostetricia due donne vittime di violenza in gravidanza. Il numero di donne accolte al Centro antiviolenza di Trama di Terre nel 2021 è stato più alto del 2020; la metà sono arrivate negli ultimi 4 mesi dell’anno, "ovvero nel periodo senza restrizioni... La pandemia ha acutizzato il trauma della violenza, portando le donne a chiedere aiuto tardivamente, quando ormai si trovano in una fase acuta e pericolosa per la loro incolumità. Ma il dato dimostra anche che i Centri antiviolenza sono indispensabili punti di riferimento". Trama di Terre riferisce che nel 2021 c’è stato un lieve aumento delle richieste di aiuto per matrimoni forzati o combinati. Per venire incontro alle criticità emerse nel costruire i percorsi di uscita dalla violenza, è nato il progetto Deseo, con le risorse della Regione e in collaborazione con Ausl, Asp, Comune, Associazione amici asilo nido Lo Scoiattolo e Cgil. Per ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?