Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Partenza sprint alle Terme "Vicini ai livelli pre-Covid"

La soddisfazione dell’ad Stefano Iseppi: "In marzo numeri simili al 2019. Contiamo di mantenere questo trend anche nelle settimane a venire"

Partenza sprint per le Terme di Castel San Pietro, che sono pronte a rifarsi il look. Sono dati davvero incoraggianti quelli che arrivano dopo le prime settimane di riapertura degli stabilimenti, avvenuta a cavallo dell’inizio di marzo. "Confrontati con lo stesso periodo, marzo-aprile, siamo vicini ai numeri fatti segnare nel 2019", esordisce l’amministratore delegato della Terme di Castel San Pietro Stefano Iseppi, senza nascondere una comprensibile soddisfazione.

"Ci aspettavamo sicuramente un buon incremento – sottolinea –, ma non questi dati vicini allo stesso periodo ma dell’anno pre-Covid". Confortante in primis un aspetto: "Abbiamo ritrovato allo stabilimento persone che non ci venivano a trovare proprio dall’anno pre-Covid, contenti di poter ricominciare il loro percorso di cure". Ai vecchi ma anche ai nuovi arrivati, le Terme hanno fatto trovare reparti tutti aperti, e il consueto scrupolo nell’osservanza delle norme di sicurezza anti-Covid, anche quelle non imposte dai protocolli. "Abbiamo riaperto il reparto dove si svolgono le cure con il getto diretto, utili per tonsilliti e faringiti. Erano state interdette per ragioni di sicurezza, ora sono riaperte anche se preferiamo, per mantenere il massimo scrupolo, utilizzarle a postazioni alternate, lasciando dunque più spazio tra una persona e l’altra".

Funzionano, e con ottimi numeri come sempre, i reparti inalatori e fanghi, e su quest’ultimo "aumenteremo un’unità a partire da martedì prossimo". La speranza, non nasconde Iseppi, è quella di "mantenere questo trend anche nei mesi a venire, anzi direi già nelle prossime settimane visto che è questo il periodo giusto per la prevenzione delle allergie". E se ad andare a gonfie vele sono anche e soprattutto le cure dedicate all’orecchio ("la nostra acqua è particolarmente adatta per questo tipo di cure, e col Covid l’afflusso al reparto era stato dimezzato"), le Terme sono pronte anche quest’anno ad effettuare interventi alla struttura. Non ovviamente investimenti-monstre, visto il periodo, "ma ogni anno mettiamo comunque in previsione qualche intervento".

Questa volta toccherà alla facciata esterna, vero e proprio biglietto da visita dunque per chi arriva alle Terme. Nelle prossime settimane verrà effettuata la ritinteggiatura esterna della facciata principale, con una scelta di colori differente dal passato. Accanto al bianco, infatti, non ci sarà più il grigio ma un blu petrolio.

Claudio Bolognesi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?