Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

Più capitane d’azienda: un’impresa su cinque è rosa

L’analisi della Camera di commercio: più del 10% ha alla guida under 35. Positivo anche il saldo delle ditte: 129 le chiusure, ma 141 le aperture

L’82% delle imprese femminili bolognesi è gestito esclusivamente da donne
L’82% delle imprese femminili bolognesi è gestito esclusivamente da donne
L’82% delle imprese femminili bolognesi è gestito esclusivamente da donne

L’impresa è donna, sempre di più: crescono le capitane d’azienda nel circondario e occupano fino al 20% del totale. Nel territorio dei dieci comuni infatti un’impresa su cinque – secondo i dati raccolti dalla Camera di Commercio nel 2021 – è a conduzione femminile. Siamo nell’ordine di oltre duemila aziende (2.229), che spaziano da settori di grande respiro come la ristorazione, la manifattura fino all’agricoltura. Positivo anche il saldo fra aperture e chiusure: 141 le nuove titolari di una partita iva nel 2021 contro le 129 che hanno deciso di chiudere i propri affari. Insomma c’è stata voglia di lanciarsi in un’avventura aziendale, nonostante l’incertezza collegata al Covid. Ottimismo, almeno fino al 31 dicembre del 2021, che ha portato anche tante giovani leve nel campo dell’impresa. Oltre il 10% (un’azienda su nove, esattamente 198) è gestita da ragazze con meno di 35 anni. E’ un numero abbastanza simile quello che fotografa le imprenditirici straniere: 237, vale a dire, l’11% delle realtà attive nel territorio dei dieci comuni nell’anno da poco trascorso. E guai a parlare di mancata solidarietà fra capitane d’azienda, la parola d’ordine è ’squadra’: secondo la Camera di commercio "le donne che scelgono di fare impresa autonomamente preferiscono lavorare con altre donne: l’82% delle imprese femminili bolognesi è infatti gestito esclusivamente da donne", facile quindi che la tendenza sia molto simile anche nel circondario. Guardando un po’ i numeri di Infocamere (Registro imprese) ed elaborati dalla Camera di commercio con la lente d’ingrandimento, è facile notare come un quarto di queste operi nel campo del commercio all’ingrosso e al dettaglio o nella riparazione di autoveicoli (in totale 551, contro le 600 dell’anno precedente). Altro settore ancora oggi particolarmente forte, per quanto riguarda le partite iva al femminile è quello dell’agricoltura, che costituisce il 17% del totale. Anche in questo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?