Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 ott 2020

Quando il San Domenico aprì solo per Naomi

Lo chef Marcattilii sfoglia l’album dei ricordi: dal compleanno di Flavio Briatore alle cene con Senna, Schumacher e Villeneuve

30 ott 2020
gabriele tassi
Cronaca
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)
Naomi Campbell ’tuffa’ un dito nella crema chantilly di una torta al San Domenico, accanto Valentino Marcattilii (Isolapress)

di Gabriele Tassi Il dito della ’venere nera’ si tuffa peccaminoso nella crema chantilly. Fasciata in un giubottino di pelle, gli occhi magnetici appena celati dietro le lenti rosa, Naomi Campbell si trova gomito a gomito con Valentino Marcattilii nella cucina del San Domenico. "Nessuno lo sa – confessa lo chef del ristorante stellato – ma quel dito poi finì nella mia bocca". Di quell’attimo imperdibile manca solo lo scatto, e sicuramente a Valentino mancarono le gambe quel giorno. Era il cinquantesimo compleanno dell’allora team manager Renault Flavio Briatore, vent’anni fa esatti, Naomi – quella che ai tempi era la sua fidanzata – prenotò l’intero ristorante per una festa di compleanno indimenticabile. "Mancavano pochi giorni al Gp del 2000, e ricevetti una telefonata da una persona che parlava inglese – racconta –. Mi chiedeva di poter riservare l’intero ristorante per il giovedì prima della gara. Io risposi che non potevo, perché avevamo la Formula 1 in città e diverse prenotazioni. La conversazione finì lì: giù il telefono". Un’occasione che rischiò quasi di sfumare, perché: "Dieci minuti dopo stavo per attaccare la segretaria quando il telefono squillò ancora – prosegue – questa volta era la segretaria di Briatore che io conoscevo, avendola vista più volte tra i box in Autodromo. Mi spiegò che a telefonarmi era stata Naomi e che avrebbero voluto vedere il ristorante". Si presentarono di lì a poco, in testa alla compagnia "una statua bellissima in minigonna, rimasi meravigliato". Valentino e la modella si misero d’accordo su menù e preparativi per la serata. Nelle sale del ristorante a due stelle Michelin si ritrovarono così per la festa a sorpresa di Briatore tutti i team manager della Formula 1 e grandi nomi, come l’allora vicepresidente del Milan, Adriano Galliani e il ciclista Mario Cipollini. Ma sono tantissimi i protagonisti, i campioni della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?