Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Recuperato il denaro rubato alle Poste guelfesi

L’auto dei banditi è finita fuori strada durante la fuga. Il materiale rinvenuto sarà. analizzato dalla Scientifica

14 giu 2022
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme
Il Postamat guelfese distrutto dall’esplosione e dalle fiamme

È stato recuperato il denaro sottratto dalla banda di malviventi che nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 3.10 della domenica per essere precisi, ha preso di mira il Postamat di Castel Guelfo. La banda, dopo aver messo l’esplosivo nel Postamat e innescato l’esplosione (con esiti disastrosi per la struttura) è infatti fuggita in auto verso Medicina. All’altezza di una curva in via Medesano l’autista ha perso il controllo della vettura che è terminata contro il guard-rail. Il gruppetto – tre o quattro – è dunque scappato a piedi nei campi, protetto dal buio. E ha fatto bene, perché nel giro di pochi secondi è arrivata la pattuglia del Radiomobile che però non ha potuto mettersi sulle tracce dei ladri.

L’auto è stata dunque sequestrata e sotto sequestro è finito anche tutto il materiale che vi è stato trovato, dai cavi elettrici per la detonazione ad altri strumenti usati per il furto. Tutto sarà passato al vaglio della scientifica per trovare eventuali tracce utili. Nella stessa notte, ci sono stati analoghi tentativi di furto alle Poste a Monteveglio (Valsamoggia) e a Limidi (Modena). La notte precedente era andato a vuoto un altro assalto a Villanova San Pancrazio (Modena).

Tornando a Castel Guelfo, è stato l’allarme delle Poste collegato ai carabinieri a contribuire al rapido intervento delle forze di polizia sul posto, dove si era nel frattempo sviluppato un furioso incendio che ha distrutto i locali. Il loro ripristino non sarà affare da poco: fiamme e calore hanno liquefatto o danneggiato irreparabilmente tutto, dagli arredi ai computer. Proprio i dati conservati su questi pc dovranno essere riversati su un’altra struttura delle Poste, per consentire ai clienti di continuare ad effettuare le proprie operazioni. Questo avverrà negli uffici di Sesto Imolese, ma non prima di venerdì, il tempo indispensabile ai tecnici di Poste per scaricare i dati e trasferirli nell’altro ufficio (orari di Sesto lunedì-venerdì 8.20-13.45, sabato fino alle 12.45). Funzionano ovviamente, in alternativa, anche gli uffici postali di Sasso Morelli, Medicina, Imola e Castel San Pietro.

ma. mar.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?