Il Comune sta approntando tre bandi per distribuire 750mila euro
Il Comune sta approntando tre bandi per distribuire 750mila euro
Tre bandi in arrivo tra fine luglio e inizio agosto per assegnare nei tempi previsti i 750mila euro di contributi e sostegni alle attività economiche del territorio colpite dalla crisi economica conseguente alla pandemia. Accelera i tempi il Comune di Castel San Pietro, che proprio un mese fa in occasione della presentazione del piano di rilancio del centro storico aveva annunciato l’arrivo prossimo dei bandi che si sarebbero andati ad aggiungere agli oltre 800mila euro già previsti per gli investimenti. Prima della pubblicazione...

Tre bandi in arrivo tra fine luglio e inizio agosto per assegnare nei tempi previsti i 750mila euro di contributi e sostegni alle attività economiche del territorio colpite dalla crisi economica conseguente alla pandemia. Accelera i tempi il Comune di Castel San Pietro, che proprio un mese fa in occasione della presentazione del piano di rilancio del centro storico aveva annunciato l’arrivo prossimo dei bandi che si sarebbero andati ad aggiungere agli oltre 800mila euro già previsti per gli investimenti. Prima della pubblicazione dei bandi sarà necessario attendere l’approvazione dell’assestamento di bilancio, che sarà all’ordine del giorno nella prossima seduta del Consiglio Comunale prevista il 27 luglio.

Va ricordato che lo scorso anno già a maggio fu emesso il bando per erogare il bonus a fondo perduto, poiché si trattava di fondi già stanziati per altri interventi rivolti a microimprese del territorio sin dall’anno precedente, e che a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19, erano stati destinati alle nuove necessità.

Entrando nello specifico dei bandi da complessivi 750mila euro, uno prevede sconti sulla bolletta Tari per 400mila euro, oltre alla modifica dei tempi dei pagamenti rivolti a tutte le attività castellane. Lo sconto riguarda la parte variabile della tariffa. Al momento la riduzione prevista va dal 50% al 25% in base ai codici Ateco e ai periodi di chiusura. Si stanno facendo simulazioni per verificare la possibilità di portare la riduzione al range 60% - 30%. Inoltre si passa da 3 a 2 rate, con slittamento della prima rata alla scadenza del 30 settembre e possibilità di pagare la seconda rata senza sanzioni e penali fino a marzo 2022.

È poi previsto un sostegno alle imprese da 150mila euro finanziato con l’avanzo libero del bilancio comunale, aperto anche questo a tutte le attività presenti nel comune, e che sarà collegato al calo del fatturato patito, mentre è destinato solo alle imprese del centro commerciale naturale del capoluogo il contributo da 100mila euro per investimenti (il bando verrò emesso a settembre-ottobre di quest’anno con scadenza rendicontazione 2022). Le spese possono essere state effettuate anche nel 2019.

Infine, c’è un altro contributo da 100mila euro per investimenti destinato ad operatori non ubicati nel centro commerciale naturale, con bando che avrà le stesse tempistiche di emissione di quello dedicato agli operatori del centro. "Il nostro progetto – ha aggiunto il sindaco Tinti –, sarà ratificato da un patto per il centro storico che il Comune firmerà assieme alle associazioni di categoria, un lavoro congiunto con cui vogliamo confermare e rafforzare ancora una volta il nostro essere una comunità unita".

c. b.