Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 giu 2022

Tredici concerti grazie alla Vena del jazz

Riparte al Caffè della Rocca la rassegna giunta alla 19ª edizione. Stasera il Tiktaalik Duo, con il contrabbassista italo-ghanese Franchetto

8 giu 2022

Concerti che sanno di libertà, per ampliare le possibilità degli interpreti, giocati sul filo della difficoltà creata dal rispetto dei canoni espressivi del poprock e jazz, barocco, gipsy e suoni brasiliani. Da stasera all’1 settembre al Caffè della Rocca (piazza Giovanni delle Bande Nere 10) torna a pulsare La vena del Jazz, rassegna che avvalla, sorniona, commistioni tra generi. Diciannovesima edizione su tre mesi di note in equilibrio, armonizzazioni minimali, colori giusti per 13 concerti (inizio alle 21, quasi tutti di mercoledì) con scalette che privilegiano fantasia, sorprese e novità contro l’egemonia del già udito. Prima tra le date da cerchiare in rosso quella di stasera: Tiktaalik duo del contrabbassista londinese di origini italo-ghanesi Blake C.S. Franchetto (foto) affiancato dal pianista Claudio Vignali: guest Danilo Mineo, percussionista creativo. È il primo progetto di Franchetto, un titolo che s’ispira al nome di un pesce del Devoniano. Riflettori, quindi, sul ritorno del pianista Pietro Beltrani (15 giugno) assieme al sassofonista imolese Claudio Zappi. Sonorità brasileire col Lua Nova Trio (22); effervescenze gipsy interpretate dai bolognesi Officina Gajaria (29). Il cartellone di luglio prevede il quartetto ‘Slow Gold Quartet’ del pianista Stefano De Bonis, con Filippo Orefice al contrabbasso e Andrea Grilli alla batteria (6); il nuovo quartetto di Roberto Bartoli che omaggia Garret, Porter e Charlie Haden col cd ‘Landcapes’ in interplay con Fabio Petretti al sax (13). Intrigante la diade di violoncelli ‘Guerzoncellos’(20) che vede alla ribalta Enrico e Tiziano Guerzoni, padre e figlio immersi in una performance che esplora barocco, jazz e rock, da ‘Stairway to Heaven’ dei Led Zeppelin a ‘Birdland’ dei Weather Report.

La ribalta successiva è con Lisa Manara e Aldo Betto (27), binomio svettante per le qualità della chanteuse imolese e del chitarrista Aldo Betto, ex frontman dei Savana Funk, tra jazz, blues e suoni africaneggianti. In agosto le luci si accendono sulla story teller interprete baiana Daniella Firpo (3) che propone il live ‘Brasil Homagen’ in trio con Daniele Santimone (chitarra) e Paolo Caruso (percussioni) tra MPB, samba e bossa. Attesi non solo dai fan i Latin Tremors (24), distillato di abilità esecutiva e ispirazione alta, passione per il ritmo e la musica latino-americana, ammiccamenti per le sonorità jazz di contaminazione antillana e portoricana. Sipario giovedì 1 settembre con gli imolesi ‘New Acoustic Trio’. Info 0542 28112; www.combojazzclub.com; www.caffedellarocca.com

Gian Aldo Traversi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?