Quotidiano Nazionale logo
1 mar 2022

Ucraina, il circondario attende 50 profughi

Panieri: "Pronti a fare la nostra parte per garantire un’accoglienza adeguata. Aspettiamo le disponibilità dei vari Comuni"

"Il circondario imolese è terra con radici democratiche e solidali. Ed è pronto a fare la sua parte per garantire un’accoglienza adeguata ai profughi provenienti dall’Ucraina". Parla così il sindaco Marco Panieri, presidente dell’ente di via Boccaccio, al termine dell’incontro che si è svolto ieri mattina in Prefettura a Bologna per fare il punto sull’accoglienza dei profughi ucraini. "Stiamo raccogliendo le disponibilità dei Comuni ad accogliere i profughi, ipotizzando di ospitarli in primo luogo nelle strutture Cas (Centri accoglienza straordinaria) e in quelle Sai (Sistema accoglienza integrazione) – riferisce il sindaco Panieri –. Al momento ipotizziamo una disponibilità complessiva a livello di circondario attorno alle 50 persone". Nello specifico, come confermato ieri pomeriggio sempre dal primo cittadino imolese, si tratta di donne, bambini e anziani. "Una volta completata la ricognizione, sapremo dalla Prefettura quando queste persone arriveranno nei nostri comuni", prosegue il sindaco Panieri. E aggiunge: "Sempre con la Prefettura e con la Questura, lavoreremo per verificare la disponibilità delle famiglie ucraine e italiane ad accogliere nelle proprie case i profughi: parliamo sempre di donne, bambini e anziani, in quella che possiamo definire un’accoglienza diffusa". Il sindaco Panieri ha confermato poi che, come stabilito dalla Prefettura, l’invio di farmaci ed aiuti sarà coordinato dalla Caritas assieme alla Croce rossa italiana. "Come sindaci ci rivolgiamo alle autorità russe – conclude il primo cittadino imolese – perché sospendano l’invasione dell’Ucraina e si promuova un nuovo sentimento di pace all’interno della comunità internazionale". Nel complesso, circondario imolese compreso, sono 200 i posti immediatamente disponibili nei Centri di accoglienza straordinaria del territorio metropolitano bolognese per accogliere i profughi ucraini. Anche questo dato è emerso al termine della riunione che si è tenuta ieri mattina in Prefettura. All’incontro, oltre al sindaco Panieri e al suo omologo di Castel San Pietro, Fausto Tinti, hanno partecipato il cardinale Matteo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?