Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 giu 2022

Un migliaio di studenti pronti alla maturità

I consigli di Montanari (Associazione presidi) ai ragazzi del circondario: "Avere docenti interni in commissione aiuta i candidati preparati"

19 giu 2022
mattia grandi
Cronaca

di Mattia Grandi È un esame di maturità che profuma d’antico. E si volta pagina rispetto al biennio pandemico. Studenti in presenza nelle aule per affrontare le due prove scritte ed il colloquio orale: nel circondario imolese i maturandi saranno circa un migliaio. Si parte mercoledì con la prima prova di italiano uguale per tutti poi, il giorno seguente, altro compito scritto con protagoniste quelle materie che hanno caratterizzato i singoli indirizzi di studio. Un test plasmato dalle singole commissioni sulla base del programma didattico svolto. Addio alla tesina per il faccia a faccia dell’orale. L’esposizione dello studente partirà dall’analisi del materiale scelto dalla sottocommissione, tipo foto, testo, documento, problema o progetto, per innescare una serie di collegamenti tra le varie discipline. La commissione, invece, sarà composta da sei commissari interni e un presidente esterno. "Un esame più semplice da affrontare, perché condotto dai docenti interni al consiglio di classe – commenta Lamberto Montanari, vicepresidente dell’Associazione nazionale presidi –. Insegnanti che conoscono gli allievi che hanno di fronte. La possibilità, quindi, di agevolare lo studente nel seguire quella direzione più consona alle sue attitudini, senza creare difficoltà. Una sessione diversa rispetto a quella pre-pandemia, ma non difficile per chi ha riversato tra i banchi impegno e presenza". Abbattute anche le ultime resistenze sulla seconda prova scritta: "A mio avviso si tratta di un aiuto in più, perché lo scritto consente un maggior tempo di riflessione all’allievo – continua –. Il modo per dare una risposta più precisa delle proprie conoscenze, più che delle competenze". Con il grande classico delle tracce d’italiano in apertura. "Emergono ancora dati preoccupanti e netti, a livello nazionale, sull’incapacità dei nostri ragazzi di comprendere un testo semplice scritto in lingua italiana – sottolinea Montanari –. Dobbiamo combattere l’analfabetismo anche attraverso la rimodulazione di una scuola da ripensare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?