Unità nazionale, messa e corteo con i ragazzi

Unità nazionale, messa e corteo con i ragazzi

Unità nazionale, messa e corteo con i ragazzi

Anche Imola ha celebrato ieri il Giorno dell’unità nazionale e la Giornata delle forze armate. Nella prima parte della mattinata, il programma si è svolto nella cattedrale di San Cassiano, che ha ospitato il raduno delle delegazioni con gonfalone, labari e bandiere, delle autorità cittadine e dei rappresentanti delle forze dell’ordine, seguito dalla messa in suffragio dei Caduti celebrata dal vescovo Giovanni Mosciatti. A seguire, ha preso il via dal sagrato della cattedrale il corteo, aperto dalla banda musicale della città, che si è sviluppato lungo le vie don Bughetti, Emilia, Mazzini e Rivalta per raggiungere infine il giardino Stefanino Curti. Qui, alla presenza delle classi 1^D, 2^D e 3^ D della scuola media ‘Innocenzo da Imola’, si è svolta la cerimonia commemorativa in onore dei Caduti, con l’alza bandiera e la deposizione della corona d’alloro al monumento da parte del sindaco Marco Panieri.

"Questa giornata assume due significati – ha sottolineato il primo cittadino –. Il primo è quello della memoria di quanto accaduto, che è importante per evitare i conflitti e ricordare chi ha combattuto e lottato per garantire i diritti di tutti. Il secondo significato è quello del Tricolore, che unisce tutta l’Italia sia nei momenti difficili sia in quelli positivi".

E ancora: "In questa giornata ricordiamo il ruolo, il sacrificio e l’aiuto delle forze dell’ordine come operatori del bene comune, per contribuire a costruire luoghi sempre migliori – ha proseguito il sindaco Panieri –; il ruolo delle associazioni qui presenti, che sono presidio di storia e memoria e i volontari di protezione civile, che anche in questi giorni sono stati protagonisti attivi per realizzare il bene comune. Oggi dobbiamo ricercare la pace, essere tutti operatori di pace, in un momento in cui i conflitti nel mondo creano solo dolore e tanta sofferenza".

Infine, da parte del sindaco Panieri un passaggio dedicato alle forze armate: "Sorreggono la salvaguardia delle nostre libere istituzioni e la vocazione dell’Italia a vivere in pace, offrendo una risposta di concordia e affidabilità nella difesa dei diritti di ogni cittadino. Purtroppo tensioni e crisi affliggono molte altre parti del mondo. Con un rinnovato impegno, nel solco atlantico ed europeista, può rafforzare le democrazie, che è necessario per difendere i valori delle nostre comunità e contribuire a creare un ambiente internazionale pacifico e prospero. A quanti sono caduti e hanno lottato per la libertà del nostro Paese e anche di Imola, la gratitudine e la riconoscenza di tutta la città".