Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imola, pomodori italiani d'inverno? Sì, grazie a un’azienda Cefla

C-Led ha sviluppato una nuova tecnologia e l’ha fornita alla Fri El Greenhouse di Ferrara

Ultimo aggiornamento il 9 febbraio 2018 alle 11:19
La serra Fri El Greenhouse
Imola, 9 febbraio 2018 - Arrivano sulle tavole i primi pomodori italiani coltivati in inverno, cosa fino a ieri impensabile alle nostre latitudini. Ciò è possibile grazie alle avanzate tecnologie sviluppate da C-Led, azienda di Cefla specializzata nella progettazione e nella produzione di soluzioni di illuminazione personalizzate e fornite (primo caso assoluto) alla Fri El Greenhouse, una delle serre più tecnologiche d’Italia, situata a Ostellato, in provincia di Ferrara.

Qui sono installate 25mila lampade Inter-Light (brevettate da C-Led) lunghe ciascuna 2,5 metri, per un totale di oltre 62 km di speciali corpi illuminanti Led. All’interno della serra il clima, in termini di temperatura e salubrità dell’aria, umidità, e luce, viene regolato da un sofisticato sistema automatico che consente un monitoraggio molto preciso dei parametri climatici. L’impianto di irrigazione, ad alta efficienza, consente il risparmio di enormi quantità d’acqua e le piante crescono rigogliose e sane. La serra e tutta l’impiantistica sono alimentate da energia ottenuta mediante un impianto di cogenerazione a biomasse.

Il ministero per lo Sviluppo economico ha espresso un importante riconoscimento a questa inedita soluzione di coltivazione, in quanto altamente innovativa per la filiera agroalimentare. Un risultato che si deve a un cammino ormai consolidato che C-Led ha intrapreso per lo sviluppo di tecnologie a Led per la crescita dei vegetali in ambiente indoor.

“Per le nostre ricerche – spiega Alessandro Pasini, innovation manager di C-Led – abbiamo stretto da tempo un accordo con l’Università di Bologna, che ha allestito un apposito laboratorio in cui vengono testate frequenze luminose diverse e i loro effetti sulla crescita delle piante. Queste ricerche ci hanno portato alla creazione della lampada inter-light che, essendo inserita tra le piante, è in grado di illuminarle in modo uniforme, su due lati. Grazie a queste soluzioni di illuminazione il pomodoro cresce con una notevole resa in termini di dimensioni e di quantità”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.