La festa per la promozione della Juvenilia in Prima Categoria (foto Montefusco)
La festa per la promozione della Juvenilia in Prima Categoria (foto Montefusco)

Imola, 29 aprile 2018 - I tappi di spumante sono saltati in aria quest’oggi. Erano più o meno le 17.20 quando al triplice fischio finale, è arrivata la festa. Il sogno è diventato realtà questo pomeriggio. Per la prima volta nella sua storia, la Juvenilia è approdata in Prima Categoria.

Una meta raggiunta grazie alla vittoria contro il Rainbow Granarolo. Un clamoroso 4-3 che porta le firme di Luca Bergami, Luca Monducci e la doppietta di Lorenzo Giordani. Una gara infinita e ricca di colpi di scena. Gli imolesi però alla fine ce l’hanno fatta.

Un risultato straordinario per il club di viale Marconi. La squadra di Rebeggiani è partita in sordina, ha macinato un risultato dopo l’altro, ha preso l’ascensore per il piano di sopra.

Alla vigilia del torneo gli imolesi non erano fra i favoriti alla promozione. Qualche volta gli outsider, ce la fanno, ed è questo il caso della Juve imolese. Un team dove i calciatori giocano per passione e si divertono. Vanno al campo e apprendono nozioni calcistiche dal tecnico Rebeggiani.

Un piccolo miracolo sportivo: «Questo è un percorso – spiega il direttore sportivo Maurizio Migliori - iniziato già a febbraio 2017 con il cambio della guida tecnica assegnata a Daniele Rebeggiani. La scorsa estate abbiamo ringiovanito il gruppo portando in Juvenilia alcuni ragazzi come Lorenzo Giordani, Andrea Negroni, Alberto Volta, Luca Bergami, Lorenzo Padovani, Claudio Di Benedetto. A questi si è aggiunta l’esperienza di Battilani, purtroppo non ha potuto giocare neppure un minuto a causa di un infortunio rimediato ad inizio annata. Poi a gennaio ci ha aiutato l’innesto di Davide Castellucci. Tutti bravi ragazzi inseriti alla meraviglia in un gruppo coeso ed accogliente. La vera forza di questa squadra. Tutte persone venute in Juvenilia solo con la promessa di trovare un ambiente familiare dove giocare al gioco che per noi è il più bello del mondo. Questa è una soddisfazione incredibile che dividiamo tutti assieme. Una bellissima impresa sportiva che ricorderemo tutti a lungo».

Quando i campionati ripartiranno a settembre, la Juvenilia giocherà in Prima Categoria. Un torneo non più provinciale ma bensì regionale. Una novità assoluta per una società dove la passione viene prima di tutto. Antonio Montefusco