Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 giu 2022

Grandi: "Andrea Costa senza limiti Che carica il derby con la Virtus"

Il coach: "Vogliamo provare a essere nelle prime sei, anche se non abbiamo il budget di altre squadre"

15 giu 2022
luca monduzzi
Sport
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)
Federico Grandi, coach dell’Andrea Costa arrivata. fino ai playoff (Isolapress)

di Luca Monduzzi

A tre settimane di distanza dall’ultima partita dell’Andrea Costa, coach Federico Grandi ripercorre la bella stagione appena vissuta dai suoi ragazzi. Con la totale fiducia della società, pronta a rinnovargli il contratto oltre la prossima stagione ("Sì, ne stiamo parlando" conferma il coach), il tecnico si proietta anche verso l’annata 20222023.

Grandi, cosa dire a mente fredda di questa stagione?

"Siamo partita da una squadra costruita tardi in estate, con tante incertezze, puntando su ragazzi giovani, alcuni alle prime esperienze, e tante scommesse. Ai miei ragazzi, dopo gara tre, ho detto che dovevamo essere fieri e orgogliosi se siamo arrivati a giocarci un playoff contro Agrigento quando a inizio stagione tutti ci indicavano a giocarci una serie playout".

Qual è stata la chiave della stagione?

"Una chiave è stata dare subito alla squadra un’identità chiara, che partiva dall’aggressività difensiva per giocare un numero elevato di possessi in attacco. Un altro aspetto determinante è stato l’aver creato un gruppo vero e compatto, che anche nelle difficoltà ha saputo reagire e anzi ne è uscito più forte".

C‘è stato qualche episodio decisivo nella crescita della squadra?

"Di episodi ce ne sono stati tanti e ognuno ha aiutato un aspetto invece che un altro. Una svolta può essere stata la vittoria alla terza giornata con la Npc Rieti con il break decisivo arrivato per mano dei tre Under in campo: questo ha dato ai giovani la consapevolezza di poter dire la loro e ha fatto capire al resto della squadra di poter contare su una rotazione profonda".

L’obiettivo dell’Andrea Costa sarà arrivare tra le prime sei per essere nella serie B 20232024…

"Penso che questo sarà l’obiettivo di tutte le società. Poi ci saranno quelle che partiranno con un budget importante e altre, come la nostra, che non avranno budget da prime sei ma che avranno voglia di provarci costruendo la squadra più competitiva possibile. Poi come andrà dipenderà anche da altri fattori come i gironi in cui saremo o come evolverà il mercato, di cui adesso è ancora presto per parlare".

Ci saranno molte conferme?

"Ci piacerebbe confermare buona parte del roster ma sappiamo che tanti ragazzi si sono valorizzati e si guarderanno attorno. Comunque non dobbiamo avere fretta, non è questo il momento di affondare i colpi di mercato ma andare a seminare, anche per quanto riguarda le conferme".

In quali ruoli interverrebbe per migliorare la squadra?

"È molto difficile parlare di ruoli adesso, ma punterei su due aspetti: aumentare la fisicità in tutti i ruoli e avere qualche punto in più nelle mani rispetto all’anno scorso".

La prossima stagione affronterete il derby con la Virtus Imola. Come lo vede?

"Innanzitutto faccio i complimenti alla Virtus Imola, alla società e a coach Marco Regazzi che conosco molto bene e che stimo; vincere la C Gold in Emilia Romagna è sempre molto dura e io ne so qualcosa. Avere il derby è motivo di grande stimolo anche per noi, è molto importante per la piazza e spero che possa riaccendere ancora di più l’entusiasmo che Imola ha sempre avuto per la pallacanestro".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?