Quotidiano Nazionale logo
28 mar 2022

Le pagelle

Santopadre non brilla, Rinaldi è troppo distratto. Alessandro Lombardi ci mette muscoli e grinta

Santopadre 5 Si arrende dopo un tempo con tre gol sul groppone, dove non è esente da responsabilità soprattutto sul gran gol di Zamparo, che sfrutta un suo errore di posizionamento. (1’ st Angeletti 5,5 Subisce due gol, ne salva altrettanti, ma è coi piedi che fa tremare soprattutto i suoi compagni).

Angeli 5,5 Vince più volte il duello con Lanini. Pesa però l’errore dopo dieci secondi, dove lascia da solo Contessa dentro l’area, libero di servire Arrighini (28’ st Cerretti sv)

Rinaldi 5 Non sfigura, ma è comunque il capitano di una difesa che subisce cinque gol. Più attento che in altre occasioni, l’errore più grave è non seguire Zamparo sul 2-0.

Vona 5 Come Rinaldi: Zamparo li guarda, vede che non è marcato, stoppa e calcia a colpo sicuro. È il gol 2-0 che cambia le sorti della sfida. Per il resto, troppa Reggiana per la difesa rossoblù.

Lia 5,5 Arrighini sarebbe il suo uomo dopo venti secondi. Poi, nel resto del match, regge le offensive di Arrighini e Luciani.

A. Lombardi 6 Di fisico, a centrocampo, spesso ha la meglio sugli avversari. Si porta a casa un rigore molto prezioso: altra buona prestazione nel suo ruolo naturale (28’ st La Vardera sv).

D’Alena 5,5 Tocca tanti palloni, ne sbaglia molti. Ha l’attenuante, però, di dover fronteggiare un mostro sacro da 362 gettoni in serie A come Cigarini.

Benedetti 6,5 Il gol impreziosisce la sua prova, nettamente la migliore fra quelle dei rossoblù. La gamba sembra tornata quella dei giorni migliori e si fa vedere in ogni zona del campo.

L. Lombardi 5 Non lascia traccia in un primo tempo dai pochissimi palloni toccati (1’ st De Feo 5,5 Leggermente più vivo, Contessa però stravince il duello).

Padovan 5,5 Torna al gol su rigore, calciato in maniera non indimenticabile. Sul giudizio, però, influisce il pallone sparato in curva che poteva portare al 3-2 e cambiare la partita (28’ st Belloni sv).

Romano 5,5 Interpreta il ruolo di ala a modo suo. Col Montevarchi era andata bene, la Reggiana però è di un’altra pasta.

Andrea Voria

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?