Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

L’Imolese riparte da Rossi e investe su Angeli

Uno dei pochi capisaldi della prossima stagione è l’esperto portiere, mentre il giovane difensore può essere il futuro e la ’cassa’ del club

14 giu 2022
andrea voria
Sport
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)
Il portiere Gian Maria Rossi durante un intervento prodigioso (Alive)

di Andrea Voria

Passano i giorni e continua il braccio di ferro all’interno dell’Imolese. Novità ufficiali non ve ne sono circa la situazione con l’ormai ex direttore sportivo Aniello Martone, che continua a (non) comunicare con chi di fatto è il suo datore di lavoro e a mantenere in stallo una situazione dove all’opera vi è invece Emanuele Righi. Il responsabile dell’area tecnica ha incontrato Fontana la scorsa settimana e, nonostante non vi siano conferme definitive, la sensazione è che con il passare del tempo le situazioni degli attori in gioco si stiano ammorbidendo e si possa procedere verso un altro anno assieme. Il lavoro più importante, probabilmente, è da compiere a livello di rosa, anche perché a differenza di quanto accaduto la scorsa stagione, l’Imolese può contare su pochissimi giocatori a disposizione in questo momento. Di fatto, si tratta di un elemento per reparto, anche perché se è vero che Matteo Angeli è un giocatore del dicembre 2002 e quindi ancora giovanissimo, il centrale scuola Milan è stato il migliore rossoblù stagionale e non solo perché, a fine campionato, si è laureato capocannoniere.

È facile immaginare che saranno in tanti a bussare alle porte del Centro tecnico Bacchilega per provare ad accaparrarsi le sue prestazioni, anche se al momento di offerte ufficiali non ne sono arrivate. Già a gennaio (e nella scorsa sessione), squadre di B come il Frosinone avevano mostrato interesse, anche se solamente sotto forma di sondaggi. In estate, però tutto può cambiare, e molto dipenderà anche dal progetto che l’Imolese ha intenzione di presentare per la prossima stagione.

In porta, sicuramente, il posto sarà ancora di Gian Maria Rossi. Classe 1986 e vero veterano della rosa, il portiere rossoblù è pronto a vivere la sesta stagione consecutiva con la stessa maglia, dove anche quest’anno è stato determinante nonostante l’errore grossolano sul gol di Gagno, ininfluente alla fine per l’Imolese.

Cristian Cerretti, come esterno di difesa o di centrocampo e come centrale destro in una eventuale difesa a quattro, ha dimostrato di poterci stare in un club di serie C.

Difficile, forse, considerarlo ad ora un titolare fisso, come invece dovrebbe essere Antonio Romano, l’unico centrocampista della rosa e uno dei migliori nel girone di ritorno.

Lo stesso di giudizio, naturalmente, non può essere dato al "centravanti" Pasquale De Sarlo, che ha chiuso la sua prima stagione a Imola con una rete segnata e un autogol, per il quale però è sicura la permanenza in rossoblù per la stagione 2022-23.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?