Monte San Giusto (Macerata), 13 giugno 208 – Sarà Paolo Ruffini il testimonial della 14° edizione del Clown&Clown Festival. La manifestazione internazionale di clownerie e clown-terapia, si svolgerà dal 30 settembre al 7 ottobre a Monte San Giusto. La manifestazione è stata ideata nel 2005 dalla Mabò Band, nota compagnia di clown-musicisti sangiustesi, con l’intento di creare un evento originale e capace di celebrare la figura del clown in tutti i suoi aspetti, da quello artistico e professionale, a quello volontaristico e sociale.
Un evento oramai consolidato che ogni anno trasmette il valore universale e terapeutico della risata con grandi ed importanti iniziative che hanno fatto guadagnare a Monte San Giusto il titolo di “Città del Sorriso”. È un grande festival di teatro di strada con artisti professionisti provenienti da molte parti del mondo e con spettacolari eventi ed animazioni di piazza di grande impatto, uniche nel loro genere.

Ruffini sarà nominato ambasciatore Clown&Clown, diffonderà la forza universale del sorriso e trasmetterà il messaggio d’amore nascosto dietro a un semplice naso rosso attraverso diverse iniziative. Con la sua capacità di comunicare al grande pubblico, facendo ridere e al contempo facendo riflettere, sarà portavoce del messaggio della manifestazione.
L’attore, dopo la sua partecipazione alla scorsa edizione del festival, è rimasto molto colpito dall’atmosfera che si respira nella Città del Sorriso ed ha quindi deciso di condividerne valori e obiettivi.

Il comico e presentatore televisivo, fabbricante di sorrisi con un amore indissolubile per il cinema, si è sempre dimostrato impegnato in iniziative artistiche dall’importante valore sociale: dallo spettacolo teatrale UP&Down, in tour nel 2018, in cui porta in scena un grande happening comico assieme ad attori con disabilità, riflettendo con ironia sul significato della diversità; al docu-film “Resilienza” ispirato alla storia di Alessandro, vittima di un gravissimo tumore pediatrico e alla sua vita da resiliente, raccontando la realtà che circonda i bambini oncologici e le storie di tanti piccoli eroi normali che si trovano a viaggiare dentro la malattia, col sorriso. Per questo, è stato nominato ambasciatore Clown&Clown.