Macerata, 14 marzo 2019 - Musica, laboratori per la creazione di gnomi e folletti, approfondimenti sulla cultura celtica e ovviamente birra e cibo irlandesi. Tutto rigorosamente in un centro che si colorerà di verde. La festa di San Patrizio, tipica tradizione irlandese ma oramai importata in tutto il mondo, arriva anche a Macerata per una tre giorni che si aprirà venerdì pomeriggio.

L’iniziativa, promossa dall’Associazione giovani marchigiani (Agm) con il patrocinio del Comune, vedrà la partecipazione di dieci attività del centro, ma qualcuna se ne potrebbe aggiungere all’ultimo momento. «Quella di quest’anno sarà un’occasione per lanciare un appuntamento che vogliamo far crescere – ha spiegato Lara Carelli, responsabile comunicazione del progetto –. Era una festa a cui pensavamo da anni e, anche nel nostro piccolo, abbiamo tentato di esserci».

Diversi gli appuntamenti ancora da definire, ma non mancherà la musica con il concerto dei TranCeltic, il duo composto da Luciano Monceri e Maurizio Serafini, venerdì alle 22 da Hab e il laboratorio per bambini per realizzare i folletti e gnomi, domenica alle17, sempre nello stesso locale di via Gramsci.

«I TranCeltic sono un gruppo che non ha bisogno di presentazione – ha aggiunto Paolo Perini, direttore artistico del festival –. Monceri e Serafini hanno studiato la cultura celtica e la storia. Le suadenti note dell’arpa celtica, della uillean pipes, del bouzouki irlandese, della cornamusa scozzese e di tanti altri strumenti trasporteranno il pubblico in un’altra dimensione».

Poi non mancheranno i libri e i racconti della letteratura celtica, con storie dell’Irlanda ispirate al mondo fantastico di fate, folletti e gnomi che si terranno alla Bottega del libro dove, sabato, alle 16, ci sarà un laboratorio in cui i bambini potranno realizzare tanti folletti portafortuna da portarsi a casa, mentre il laboratorio organizzato dalla libreria Bibidibobidibook si terrà al Cabaret. Inoltre ci saranno tante degustazioni e proposte nei locali aderenti: Caffè Centrale, Hopes&Hope, La Bottega del libro, Cabaret, Civico 37, Verde Caffè, Bibidibobidibook, Finecorso, Bar Firenze, Pizzeria del corso, Hab, Di Gusto, Qb. Un progetto che, per l’assessore Stefania Monteverde, presente alla conferenza stampa insieme ad alcuni commercianti, testimonia «la vitalità del centro e dei negozianti».