Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 giu 2022

A Villa Potenza anche il polo del rugby

Previsti due campi, spogliatoi, illuminazione e una club house per il ’terzo tempo’. Sacchi: "Abbiamo ottenuto 2,5 milioni di euro"

5 giu 2022
chiara sentimenti
Cronaca
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026
L’assessore Riccardo Sacchi fissa il cronoprogramma: appalto entro il 2023, impianto pronto per il 2026

di Chiara Sentimenti

Non solo centro fiere, perché accanto al polo che sta prendendo forma a Villa Potenza, sono previsti anche i lavori per la costruzione del nuovo impianto da rugby. "Con il bando per la rigenerazione che ci siamo aggiudicati alla fine del 2021, abbiamo ottenuto 7 milioni di euro, di cui 4 saranno utilizzati per lo stadio Helvia Recina, 400mila per il palazzetto di Fontescodella e i rimanenti 2,5 milioni per costruire il nuovo campo da rugby - spiega l’assessore allo Sport, Riccardo Sacchi -. L’impianto sarà realizzato accanto al centro fiere e si andrà a riqualificare un’intera area troppo spesso dimenticata, lungo la vallata del Potenza. Avremo un polo commerciale, fieristico e sportivo degno di nota". Il progetto, ancora in via di definizione negli ultimi dettagli, prevede due campi uno di 120 metri per 70 e un altro di 130 metri per 70, oltre a spogliatoi, illuminazione dedicata, impianto di irrigazione e una club house di circa 400 metri quadri per il ’terzo tempo’, quando le due squadre si riuniscono per festeggiare dopo la partita. "Questa amministrazione e, in particolare io e l’assessore Andrea Marchiori, ci siamo dati come metodo di lavoro quello di convocare preliminarmente le associazioni sportive che andranno ad utilizzare i vari impianti della città, per poterci confrontare anche con le loro esigenze – spiega ancora Sacchi –. Così abbiamo fatto anche con la Banca Macerata Rugby e da lì è partita una collaborazione che ancora prosegue. I nostri uffici, infatti, dialogano costantemente anche con i tecnici della Federazione che possono dare indicazioni specifiche per far sì che i campi siano utilizzabili al meglio". Dopo la definizione del progetto, il finanziamento che rientra tra quelli del Pnrr, prevede che i lavori vadano appaltati entro il 2023 e siano conclusi entro il 2026. "Sarà un fiore all’occhiello della nostra amministrazione – conclude Sacchi – e un progetto a cui teniamo molto, tanto che lo avevamo inserito anche nel programma di mandato. Crediamo che sarà un progetto importante e rilevante non solo in ambito locale e ringraziamo la Federazione per il supporto che ci sta dando".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?