Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Green pass nei ristoranti e bar: "Assaggio di normalità dal 1 maggio"

Da domenica non sarà più richiesta la carta verde per entrare in bar e ristoranti. Gli operatori: mesi complicati, ora un passo in avanti

marta palazzini
Cronaca

Macerata, 28 aprile 2022 - "Finalmente torniamo a fare il nostro lavoro, è stata una situazione difficile da gestire". Da domenica non sarà più necessario essere in possesso del Green pass, nemmeno quello base e pure al chiuso, per andare a mangiare al ristorante o consumare al bar.

Legi anche: Mascherine al chiuso, oggi le nuove regole: 10 cose da sapere

Per i titolari e i lavoratori del settore sono stati mesi difficili: in primis, oltre al regolare servizio, hanno dovuto svolgere il ruolo di "controllori" della certificazione verde, e questo ha tolto loro tempo, con maggiori difficoltà di gestione dell’attività. Inoltre, questo nuovo ruolo ha fatto sì che si venissero a creare delle situazioni di disagio con la clientela, senza considerare la possibilità di poter ricevere anche una multa. Poi c’è pure chi ha dovuto assumere personale esclusivamente per questa nuova mansione. La fine del Green pass proietta tutti nella nuova stagione con più speranza. "Siamo felici, finalmente ritroviamo un po’ di ritmo nel lavoro, perché richiedere il Green pass toglie tempo per il servizio – hanno detto Jenny Bellocchi e Liry Ziberi del bar rosticceria Tutto Pepe a Corneto –. È stato sicuramente un periodo difficile, perché oltre a dover gestire tutto, avremo perso anche qualche cliente, poiché non tutti si sono vaccinati. Lo stop al Green pass è una buona cosa soprattutto in vista dell’estate, e ci dà la spinta per iniziare la stagione in modo più entusiasmante".

"Per noi è stata un po’ una forzatura, era giusto che lo Stato si occupasse di questo aspetto senza dovercene occupare noi – ha aggiunto Marco Cecchetti titolare del Basquiat Bistrot e del Samo in centro storico –. Bisogna considerare che serviva una persona in più quasi solo esclusivamente per il controllo della certificazione, e poi ci toglieva anche molto tempo. Noi siamo contenti, era ora". "In questo periodo abbiamo perso dei clienti, ad esempio alcuni che non avevano il Green pass rafforzato, in maniera volontaria e per loro coscienza, non sono venuti – ha sottolineato Massimo Tirabassi de Il contadino in corso Cavour –. Abbiamo visto invertire la tendenza già con il Green pass base, e da lunedì sono convinto che si tornerà come prima".

"È stata dura gestire questo periodo, con il servizio al banco e il controllo del Green pass, una situazione che ci ha creato un po’ di stress – ha riferito Anna Contigiani del Crisglo Bar –. Siamo contenti di esserci tolti questa incombenza e tutto quello che ne conseguiva, ma lo facciamo con cautela perché non vorremmo ricadere nell’emergenza". "Già si è visto il cambiamento con la possibilità di consumare all’aperto senza Green pass – ha concluso Aldo Zeppilli del Bar centrale e del Centrale Plus in piazza della Libertà –. Il fatto che non abbiamo più questo impegno ci semplifica molto anche il lavoro, per noi tornerà più semplice gestire la situazione. Mentalmente e nella pratica è davvero un grande passo in avanti".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?