Ieri, nelle Marche, il Covid-19 ha ucciso altre 11 persone, due delle quali in provincia di Macerata: un uomo di 84 anni di Civitanova e una donna di 50 anni di Matelica (ne riferiamo in cronaca). In provincia, la situazione degli ospedali è difficile, ma si registra un lieve calo dei ricoveri, da 172 a 168, e 15 persone in pronto soccorso (13 a Macerata e 2 a Civitanova). Continua la...

Ieri, nelle Marche, il Covid-19 ha ucciso altre 11 persone, due delle quali in provincia di Macerata: un uomo di 84 anni di Civitanova e una donna di 50 anni di Matelica (ne riferiamo in cronaca). In provincia, la situazione degli ospedali è difficile, ma si registra un lieve calo dei ricoveri, da 172 a 168, e 15 persone in pronto soccorso (13 a Macerata e 2 a Civitanova). Continua la discesa del numero delle persone in quarantena, passate da 2.731 a 2.682, 49 in meno: 1.922 asintomatiche e 760 sintomatiche, 45 operatori sanitari. Il quadro regionale evidenzia una lieve ripresa dei ricoveri, da 857 a 862 (5 in più), 129 (invariati) in terapia intensiva. I pazienti in pronto soccorso passano da 37 a 34. In diminuzione il numero delle persone in isolamento domiciliare, da 7.348 a 7.193 (155 in meno), e gli attualmente positivi (isolamento domiciliare più ricoverati), da 8.205 a 8.055 (150 in meno). Il numero di dimessi e guariti sale da 81.506 a 81.757, 251 in più. Ieri, il servizio sanità della Regione ha comunicato che sono stati testati 1.810 tamponi: 955 nel percorso delle nuove diagnosi (413 nello screening con percorso antigenico) e 855 nel percorso dei guariti, con un rapporto tra positivi e testati pari all’11,6%. I positivi nel percorso delle nuove diagnosi sono 111: 12 in provincia di Macerata, 55 ad Ancona, 10 a Pesaro, 7 a Fermo, 18 ad Ascoli e 9 fuori regione. I casi comprendono soggetti sintomatici (22), contatti domestici (25), contatti stretti di casi positivi (26), contatti in setting lavorativo (4), contatti in ambiente di vita e socialità (1), contatti rilevati in setting assistenziale (2), contatti col coinvolgimento di studenti (1) e screening del percorso sanitario (2). Per altri 28 casi sono ancora in corso indagini epidemiologiche. Nel percorso screening antigenico sono stati effettuati 413 test e sono stati riscontrati 19 casi positivi (da sottoporre a tampone molecolare). Il rapporto tra positivi e testati è del 5%.

Franco Veroli