Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 giu 2022

Arriva l’ok: l’impianto fotovoltaico si può fare

Sarà installato nell’ex sito estrattivo e occuperà un’area di 14mila metri quadrati. Previsti diversi obblighi a carico della ditta

19 giu 2022

Via libera definitivo alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico della ditta Elettrochimica Ceci Spa. Lo scorso anno c’era stato il primo passo avanti con l’esclusione dal procedimento di Valutazione impatto ambientale (Via). Si tratta di un impianto foda 990 kwp che sarà realizzato in località Rocchetta, in una zona produttiva classificata come ’completamento produttivo’. Occuperà un’area, quella dell’ex sito estrattivo della ditta Perroni Attilio srl, di circa 14mila metri quadri, ma soltanto limitatamente alla durata di vita dell’impianto stesso, stimata in circa 30 anni, dopo di che, il terreno sarà riportato allo stato originario e non sono previsti nemmeno interventi invasivi di fissaggio delle strutture di sostegno dei pannelli. Alla ditta sono stati richiesti alcuni accorgimenti per limitare il più possibile gli effetti sull’ambiente: ad esempio, l’irrigazione periodica di tutte le vie sterrate necessarie allo svolgimento dei lavori, per ridurre il sollevamento delle polveri e altre pratiche cantieristiche, periodica bagnatura dei cumuli di materiale polverulento depositato, l’uso di scivoli per lo scarico di materiali e l’adozione di misure per prevenire eventuali dispersioni di oli lubrificanti, carburanti e quant’altro. Per quanto concerne il verde, dovranno essere installate siepi di mitigazione arborea ed arbustiva costituite anche da esemplari adulti, da inserire nei punti maggiormente esposti. Le caratteristiche del piano sottostante l’impianto dovranno essere a tappeto erboso anche per conservarne la massima percentuale di permeabilità dei terreni. In merito all’inquinamento acustico, l’Arpam dovrà concordare insieme alla ditta una campagna di monitoraggio i cui risultati dovranno essere consegnati entro sei mesi dall’attivazione dell’impianto. Infine, la ditta è obbligata a stipulare a favore del Comune di San Severino, una polizza bancaria o assicurativa, del valore da stabilirsi in base ad un computo metrico da presentare al Comune prima dell’inizio dei lavori a garanzia dell’attecchimento delle piante e del loro sviluppo fino all’altezza di 2 metri. Gaia Gennaretti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?