Arrivano i campioni di domani. Torna l’Atalanta football camp

Allenamenti a Pioraco e Sefro con la società bergamasca. In campo quasi 300 ragazzi. e ragazze da tutta Italia.

Arrivano i campioni di domani. Torna l’Atalanta football camp

Arrivano i campioni di domani. Torna l’Atalanta football camp

Grande partecipazione per l’Atalanta Football Camp. Dedicata ai bambini e alle bambine dai 6 ai 14 anni, si svolge nell’alto maceratese da 19 anni. Dal primo al 5 luglio si è tenuta la settimana al femminile ed è stata un successo, con 44 giovani partecipanti di cui 10 dell’Atalanta e tre provenienti dalla Sardegna. Sold out per il camp maschile in programma dall’8 al 12 e dal 15 al 19 luglio nell’entroterra maceratese, 220 gli iscritti nelle due settimane, due le sedute di allenamento (una al mattino e una al pomeriggio) su obiettivi tecnici-coordinativi stabiliti dalla società bergamasca. Si tratta di ragazzi arrivati sia dalle Marche che da fuori regione. L’Atalanta Football Camp di Pioraco-Sefro è la prima per numero di iscritti a livello nazionale.

"Il successo – ha detto Massimo Di Luca, responsabile dell’Atalanta Football Camp di Pioraco-Sefro – credo nasca dal lavoro che viene svolto e da un ottimo approccio tecnico. Lo spirito guida è quello del puro divertimento. Poi è chiaro che i ragazzi abbinano questo lavoro tecnico in campo a delle attività che facciamo la sera per chi pernotta qui. È una formula che dà loromolta soddisfazione".

Il calciatore Giacomo Bonaventura ha partecipato proprio a questo camp anni fa, e dopo una stagione brillante con la Fiorentina oggi è svincolato, in attesa di nuove proposte. "Bonaventura partecipò a un camp nel 2002, era un dodicenne – ha raccontato Massimo Di Luca –. Già all’epoca mise in luce il suo talento, le sue qualità, sebbene fosse in ritardo da un punto di vista fisico. In seguito l’Atalanta l’ha seguito e poi preso quando era un allievo Under17. Oggi ho saputo che è svincolato; per me è un calciatore che ha ancora un ottimo livello e una grande presenza in campo, quindi lo vedrei in qualsiasi formazione in cui possa trovare altrettanta qualità. Non ultima in Nazionale, che l’ha scartato e dove poi invece, vista la brutta figura fatta all’Europeo, sicuramente stava bene anche lui".

Lisa Grelloni