"Bancarelle degli alimenti nel fine settimana. Più controlli da parte delle istituzioni"

Un cittadino di Civitanova esprime preoccupazione per la vendita di alimenti nei mercati cittadini, definendola "da quarto mondo". Chiede intervento delle istituzioni per garantire la sicurezza alimentare.

"Mercato dagli alimenti, situazione da quarto mondo. Le istituzioni intervengano". È quanto asserisce un cittadino civitanovese, Angelo Vallesi, rivolgendosi al nostro giornale per esprimere le proprie preoccupazioni circa la modalità di vendita dei prodotti alimentari nei mercati di piazza XX Settembre o in piazza Gramsci nei fine settimana. Vallesi, in particolare,

non condivide che ci siano bancarelle di salumi e formaggi, oppure ortaggi, proprio a ridosso di strade trafficate, dove lo smog la fa da padrone.

Sollevato il problema, il cittadino chiama in causa il sindaco come "massima autorità sanitaria locale".

E su questo punto sottolinea: "Possibile che nessuno veda e controlli quello che avviene durante lo svolgimento dei vari mercati ambulanti sia del sabato che delle domenica, per ciò che riguarda la vendita dei generi alimentari sfusi o confezionati? Il mio invito è rivolto a tutti gli organi

di controllo".