Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 giu 2022

Barricato in casa, minaccia di uccidere il padre Fermato con il taser dopo ore di trattative

Il delirio del 50enne Gianluca Marzocco: l’anziano ferito con un coltello alla testa, alla schiena e ai fianchi. Anche due carabinieri in ospedale

10 giu 2022
paola pagnanelli
Cronaca
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido
Un carabiniere al lavoro; in alto il comandante Candido

di Paola Pagnanelli Notte di follia a Montecosaro, dove un 50enne si è barricato in casa minacciando di uccidere il padre 84enne. Per bloccare Gianluca Marzocco, i carabinieri hanno usato la pistola a impulsi elettrici e, con il 118, pesanti dosi di sedativo. L’allarme è arrivato poco prima di mezzanotte ai carabinieri da via San Lorenzo. L’avvocato Simone Santoro, e poi anche gli altri residenti, hanno chiesto aiuto perché Mazzocco minacciava di uccidere l’anziano genitore. Dall’appartamento al piano terra si sentivano fortissime le urla dell’uomo che, sotto l’effetto della cocaina, pronunciava frasi senza senso. Brandendo una mannaia e un coltello da cucina, Marzocco nel suo delirio ogni tanto infieriva sull’anziano, ferendolo alla testa, alla schiena, ai fianchi. Il padre era terrorizzato, seduto immobile in mezzo alla stanza. Sul posto sono arrivati subito i carabinieri di Montecosaro, supportati dai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile di Civitanova e Macerata, e i vigili del fuoco. La porta dell’appartamento però era stata bloccata dagli elettrodomestici e le finestre erano bloccate: impossibile entrare in casa. A lungo l’avvocato Santoro ha provato a discutere con il 50enne, chiedendogli di far uscire l’anziano. Ma quello non voleva saperne. Da una finestra, si vedeva che aveva devastato l’appartamento. Marzocco camminava scalzo sui vetri in frantumi, aveva i piedi feriti ed era ferito e sanguinante anche il padre, in un crescendo di delirio e violenza che faceva paura. I vigili del fuoco però hanno individuato una finestra sul retro che poteva essere smontata, e hanno lavorato mentre l’avvocato, dalla parte opposta della casa, teneva impegnato il 50enne. Quando tutto era pronto, la luce è stata staccata e in un attimo i carabinieri hanno fatto irruzione nell’appartamento. Sono stati momenti molto concitati. Il 50enne, vedendo i puntatori dei taser, si è fatto scudo con il padre, puntandogli un coltello sotto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?