di Lucia Gentili Continua la gara di solidarietà per Lucas Silvestro, 43enne originario dell’Argentina ma residente da tempo a San Severino, affetto da una grave malattia. Questa volta l’aiuto per questo giovane padre di due figli, in attesa di sottoporsi ad una nuova terapia molto costosa, è arrivato da un benefattore che vuole mantenere l’anonimato. Proprio ieri mattina ha provveduto ad inviare al...

di Lucia Gentili

Continua la gara di solidarietà per Lucas Silvestro, 43enne originario dell’Argentina ma residente da tempo a San Severino, affetto da una grave malattia. Questa volta l’aiuto per questo giovane padre di due figli, in attesa di sottoporsi ad una nuova terapia molto costosa, è arrivato da un benefattore che vuole mantenere l’anonimato. Proprio ieri mattina ha provveduto ad inviare al fratello di Lucas (Jeremias, che il mese scorso ha lanciato una raccolta fondi online) un primo bonifico di quasi 6mila euro, ma la somma totale destinata al papà è di 15mila euro. Ciò è stato possibile anche grazie al comitato Nati nel 1970 di Tolentino "The Wild Boys Generation". Un gioco di squadra, quello dei cinquantenni tolentinati, che ha coinvolto, tra gli altri, Gabriele (Lele) Lucentini (anche lui classe 1970), cantante del gruppo Recidivi Vasco Tribute e Giusi Minnozzi di Multiradio, che si sono messi a disposizione gratuitamente alla serata di sabato scorso alle Terme Santa Lucia, "Uniti per Lucas". "Tutto è iniziato con la cena dei Nati nel 1970 – spiega una delle organizzatrici, l’avvocato Cinzia Pucciarelli – qualcuno ha proposto di donare la somma raccolta (500 euro) alla causa di Lucas Silvestro, il giovane padre malato di tumore che ha speranza di salvarsi solo sottoponendosi a cure costosissime in Germania. Da lì è seguita una raccolta fondi anche da parte di chi alla cena non aveva potuto partecipare, ma voleva dare il proprio contributo. E abbiamo raggiunto quota 900 euro. Poi è arrivata la proposta di Gabriele Lucentini e dei Recidivi di andare oltre, fare di più: organizzare una serata per raccogliere più soldi, e chiedere la disponibilità di altri professionisti. In tanti hanno accettato di mettersi a disposizione gratis e siamo arrivati a 2.400 euro. Ma ancora non è tutto: un benefattore (che vuol restare anonimo) ci ha donato altri 15.000 euro per Lucas! E così siamo arrivati in totale a 17.400 euro. Non ci sono parole per esprimere tutta la gratitudine possibile ad ognuno di voi!".