"Buon’Estate", danza protagonista Va in scena Satiri di Virgilio Sieni

Macerata, emozioni a palazzo Buonaccorsi con Jari Boldrini e Maurizio Giunti. Al violoncello Naomi Berrill

"Buon’Estate", danza protagonista  Va in scena Satiri di Virgilio Sieni

"Buon’Estate", danza protagonista Va in scena Satiri di Virgilio Sieni

La danza apre la rassegna di arti performative Buon’Estate (da domani all’8 luglio). A Palazzo Buonaccorsi di Macerata sarà lo spettacolo Satiri di Virgilio Sieni, coreografo tra i più apprezzati della scena italiana a dare il via agli appuntamenti: sono previste tre repliche dello spettacolo, alle 19, 20.30 e 22 (per massimo 30 spettatori).

In scena ci saranno Jari Boldrini e Maurizio Giunti, le musiche sono state composte e saranno eseguite dal vivo al violoncello da Naomi Berrill. Buon’Estate offre al pubblico una performance itinerante, tra il Cortile del Palazzo e la Sala dell’Eneide, dove la danza si presta a laboratorio di vita.

"Danze sulla soglia segnano lo spazio – si legge nelle note allo spettacolo della compagnia –, forme di intesa ed empatia che esplodono tra dionisiaco e apollineo. Lo studio del movimento sottrae al quotidiano quelle posture che poi tornano sotto forma di un’altra lingua, non forma in movimento ma corpo che trascolora e, come una nebulosa auratica, si confonde tra lontananza e vicinanza e opera secondo un’attenzione rivolta alla tattilità spaziale che ci comprende". "Può darsi che siamo stati raggiunti dall’insegnamento del gesto che irrorandosi con lentezza nel corpo lo forgia senza mai appropriarsene. Questo porsi sulla soglia – prosegue Virgilio Sieni –, che potrebbe sembrare anche un rimbalzo quale restituzione di una cosa solo poco tempo prima sconosciuta, penso si possa definire, o accostare, al senso del gesto poetico. I due danzatori dello spettacolo sono contagiati dall’interno, investiti dalla contemplazione rivolta al gesto simile, adiacente, simmetrico. Una danza per dermatoglifi che tracciano l’aria e una sintassi che sembra riferirsi all’embrione del gesto che incontra il suo simile riconoscendolo diverso e amico. Pescano dal fondo del gesto per inscrivere forme d’intesa e di empatia che si aprono a una disposizione musicale, le danze segnano lo spazio della materia inebriante che parla con il corpo".

Sieni è un danzatore e coreografo italiano, artista attivo in ambito internazionale per le massime istituzioni teatrali, musicali, fondazioni d’arte e musei. Gli è stato assegnato per tre volte il premio Ubu (2000, 2003, 2011), nel 2011 il premio Lo Straniero e nel 2013 è stato nominato Chevalier de l’Ordre des Arts et de Lettres dal Ministro della cultura francese. È stato direttore della Biennale danza di Venezia dal 2013 al 2016,

Informazioni alla biglietteria dei Teatri 0733 230735, biglietteria a Palazzo Buonaccorsi dalle 18 del giorno di spettacolo.