Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 mag 2022

Cause infinite, la giustizia senza fiducia

22 mag 2022
alessandro
Cronaca

Alessandro

Feliziani

Negli ultimi dodici anni la fiducia degli italiani nella magistratura

è progressivamente calata, passando – secondo l’ultimo sondaggio – dal sessantotto

al trentadue per cento: da più di due italiani su tre a meno di un italiano su tre. È il risultato di una crescente insoddisfazione nei confronti dell’amministrazione giudiziaria. Lunghezza dei processi, continui rinvii

di udienze, sviste procedurali ed errori, sentenze a volte non in linea con il comune senso

di giustizia sono alcune

delle cause denunciate dai partecipanti al sondaggio.

In questo quadro e nel pieno della campagna elettorale

per i cinque referendum sulla giustizia del 12 giugno, lunedì

si è svolto uno sciopero

dei magistrati (a Macerata hanno aderito in pochi) contro la proposta di riforma Cartabia.

Sciopero che ha diviso praticamente a metà la stessa magistratura e che molta gente non ha ben compreso. Prima

di tutto perché si fa fatica

a immaginare i magistrati come comuni lavoratori dipendenti

e in secondo luogo perché

è difficile immaginare in Italia un reale pericolo per la loro indipendenza. Semmai

è proprio quella piccola minoranza di magistrati,

che non si è mai preoccupata di "apparire indipendente",

ad avere offuscato negli anni l’immagine dell’ordine giudiziario. Lo stesso sondaggio demoscopico

ha rivelato lo scetticismo

degli italiani anche verso

i referendum sulla giustizia, dimostrando come

il referendum abrogativo – quando non riguardi questioni facilmente comprensibili

e sentite, quali furono

il divorzio e l’aborto – non sia uno strumento idoneo

per intervenire sui tecnicismi delle leggi. Il solo quesito del referendum sulla "separazione delle carriere" si compone

di ben 1.122 parole. Se

al momento del voto l’elettore dovesse leggerlo per intero, fuori dei seggi si formerebbero file chilometriche. Insomma,

la vera riforma della giustizia non si fa né con gli scioperi,

né con i referendum,

ma con la riconquista

da parte della magistratura della fiducia dei cittadini.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?