Il vicesindaco di Caldarola, Giovanni Ciarlantini
Il vicesindaco di Caldarola, Giovanni Ciarlantini

Caldarola (Macerata), 1 aprile 2020 – Si è dimesso il vicesindaco di Caldarola, Giovanni Ciarlantini, multato per violazione del decreto: è andato a fare una corsetta all’aria aperta, uscendo dal proprio Comune .

La decisione è arrivata in serata assieme a un comunicato dello stesso Ciarlantini:. “Preso atto delle incresciosa situazione venutasi a creare per la quale rinnovo il dispiacere e le scuse a tutta la cittadinanza, con pieno senso di responsabilità rassegno le dimissioni dall'incarico di assessore e vicesindaco del comune Caldarola attualmente ricoperti da me. Attendo in merito le sue determinazioni”  Il sindaco ha indetto immediatamente una riunione di maggioranza e ha provveduto alla nomina della nuova Giunta nelle persone di Giorgio di Tomassi vicesindaco e Teresa Minucci assessore.

Leggi anche: Bonus alimentare, la guidaLe misure prorogate al 13 aprile - Il bilancio nelle Marche

Era stata una app che monitora l'attività motoria a tradice Ciarlantini. Un residente di Tolentino ha fatto la segnalazione: Ciarlantini (forza dell’ordine in pensione) domenica scorsa ha fatto una corsetta fuori comune. "Domenica mattina, il 29 marzo – aveva cercato di spiegare – il giorno del cambio dell’ora, ho fatto una corsa fuori Comune verso la montagna dalle 5.30 alle 8 del vecchio orario. Non ho incontrato nessuno. Ma ho sbagliato, e per questo sono stato multato giustamente dalle autorità. Chiedo scusa ai miei concittadini . Penso di non avere arrecato problemi. Per me lo sport è vita e in passato con lo sport ho risolto i miei problemi di natura fisica".

Ma non è bastato.

Aggiunge che invece ieri è stato sotto casa, a 200 metri dalla sua abitazione. "Ho sbagliato domenica, ma era quasi notte, portavo sciarpa e guanti e non ho incontrato anima viva – conclude –, però ho sbagliato e ho pagato per questo. Non succederà più".