Due uomini ricoverati con i sintomi della polmonite da Covid nelle ultime 24 ore (foto d’archivio)
Due uomini ricoverati con i sintomi della polmonite da Covid nelle ultime 24 ore (foto d’archivio)

Macerata, 2 agosto 2020 - Due pazienti sono ricoverati nel reparto di malattie infettive per la polmonite da Covid-19: il Coronavirus non è stato sconfitto, è ancora presente e minaccioso. I pazienti ricoverati, due cinquantenni residenti nella provincia di Macerata, si sono presentati al pronto soccorso con i sintomi di una polmonite.

Leggi anche Coronavirus, in Francia 1.300 nuovi casi. Boom anche in Russia e Germania - Treni AV, resta il distanziamento. Arriva l'ordinanza del governo

Per loro sono scattati subito i tamponi, risultati entrambi positivi al Coronavirus, e anche la Tac ha confermato il quadro della polmonite da Sars-Cov-2. Le loro condizioni sono stabili, e per il momento non sembrano preoccupanti, anche se i pazienti vanno naturalmente tenuti sotto controllo per monitorare il decorso della malattia, che in alcuni casi si è rivelata particolarmente tenace e difficile da debellare. Ma il fatto che due persone abbiano avuto bisogno del ricovero – in provincia e non solo, visto che ovunque si registrano dei piccoli focolai di ripresa e nuovi casi di pazienti che hanno necessità dell’assistenza ospedaliera – sembra un campanello d’allarme, che deve fare capire come la pandemia non si possa ancora dire sconfitta.

I dati ufficiali del Gores – il bollettino del gruppo operativo regionale, che coordina l’emergenza sanitaria nelle Marche – parlano di otto pazienti Covid-19 ricoverati negli ospedali marchigiani, due in più rispetto al giorno precedente. Nessuno di loro è ricoverato in terapia intensiva. In quattro si trovano sono nel reparto di malattie infettive di Pesaro, una in quello di ginecologia, sempre al San Salvatore di Pesaro; poi ci sono i due a Macerata e un altro nel reparto di malattie infettive dell’ospedale regionale di Torrette. C’è un solo paziente, infine, nella residenza di Campofilone. Ci sono poi cinque nuovi casi di contagi accertati in regione nelle ultime 24 ore.

I cinque positivi sono stati individuati tra i 960 tamponi effettuati, di cui 567 nel percorso delle nuove diagnosi e 393 nel percorso dei guariti. La provincia di Macerata detiene il poco invidiabile record di avere quattro dei cinque contagiati. In particolare, si tratta di una persona che rientrava dall’estero e di un secondo caso entrato in contatto con altre due persone. Il quinto positivo, invece, è della provincia di Ancona: si tratta di una persona che è stata testata nel momento in cui si è rivolta a un pronto soccorso. I casi complessivamente accertati dall’inizio della crisi sono diventati dunque 6.889, mentre il numero dei guariti è cresciuto di otto unità rispetto a venerdì (5.758). Invece, è tornato a scendere il numero dei positivi in isolamento domiciliare (136, cioè 5 meno di ieri), mentre le vittime restano 987. Per l’ottavo giorno consecutivo è cresciuto il numero di coloro che sono in isolamento volontario in casa: 1.034 (più 3 rispetto a ieri). Tra questi, 86 coi sintomi del Covid-19; gli operatori sanitari in quarantena sono due. Dall’inizio dell’epidemia i marchigiani che hanno passato volontariamente in casa due settimane di isolamento sono diventati 39.352, i casi complessivamente diagnosticati 100.767 e i tamponi processati 167.246.