Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 ago 2022
3 ago 2022

Dai tamponi alle visite da prenotare Un punto socio-sanitario alla Pace

Il progetto della giunta in collaborazione con Ircr e Apm. I servizi saranno attivati nei locali. accanto alla farmacia comunale

3 ago 2022

Un nuovo punto socio-sanitario alla Pace in cui poter effettuare prenotazioni per visite ed esami, piccole prestazioni infermieristiche, ma anche tamponi e vaccini Covid nel caso in cui la pandemia torni a farsi sentire. Il progetto era stato annunciato all’inizio dell’anno dal sindaco Sandro Parcaroli rispondendo a un’interrogazione di Narciso Ricotta presentata in consiglio comunale, ma ora sta prendendo forma insieme all’Ircr e all’Apm, proprietaria dei locali. La giunta, infatti, ha approvato l’avvio del progetto per l’attivazione di un nuovo punto a servizio dei cittadini che sarà aperto nel quartiere Pace, accanto alla farmacia comunale. Nel nuovo punto verranno date informazioni di tipo socio-sanitario ed educativo e sarà collegato con il social point già esistente in piazza Mazzini e con i servizi sociali del Comune.

Sarà finalizzato a dare informazioni sui servizi sociali ed educativi comunali e non, sui servizi sanitari presenti nel territorio e sulle modalità di accesso agli stessi, al suo interno si potranno effettuare prenotazioni per visite ed esami, in collegamento con la vicina farmacia comunale, all’azienda sanitaria e alle strutture private accreditate e non; si potranno effettuare piccole prestazioni infermieristiche attraverso l’infermiere di comunità messo a disposizione dall’Ircr, nonché, qualora ve ne siano le condizioni, anche quelle legate all’emergenza Covid (tamponi e vaccini).

Nella nuova struttura si potranno coordinare e implementare le attività mediche di base e specialistiche già presenti; coordinare le attività del terzo settore, quali farmaci a domicilio, trasporti sociali, auto mutuo aiuto e creare eventi formativi eo informativi in ambito socio-sanitario ed educativo per i cittadini. "Un servizio sperimentale" – come si legge nella delibera di giunta – che potrà essere implementato "con ulteriori attività che si renderanno necessarie e in base a successivi accordi".

re. ma.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?