Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 ago 2022
asterio tubaldi
Cronaca
3 ago 2022

Duello sull’ex Mattatoio Battaglia legale infinita

Braccio di ferro tra Comune e Agenzia delle entrate: la giunta si affida a Catani. Contestata la registrazione del contratto di vendita con alcune agevolazioni

3 ago 2022
asterio tubaldi
Cronaca
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020
L’ufficio delle entrate in città è ormai chiuso dal 2020

di Asterio Tubaldi

È una battaglia senza esclusione di colpi quella fra il Comune di Recanati e l’Agenzia delle entrate e parte dal lontano novembre 2010 quando l’amministrazione comunale sottoscrisse dal notaio Bucci di Ancona il contratto di vendita dell’immobile "Ex Mattatoio" che si trova nel quartiere Mercato, oggi trasformato in un centro commerciale. L’allora segretario comunale chiese la registrazione del contratto con l’applicazione di alcune agevolazioni fiscali in quanto era in atto un piano di recupero di iniziativa pubblica. L’Agenzia delle entrate, però, era di altra opinione e inviò al Comune la richiesta di pagare la bella somma di 337.812,76 euro, non riconoscendo nessuna agevolazione e applicando, quindi, le normali aliquote proporzionali. Parte qui la battaglia legale: il Comune fa ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Ancona e questa, siamo nel 2015, gli dà ragione. L’Agenzia delle entrate, però, non demorde e ricorre alla Commissione Tributaria Regionale di Ancona, ma anche questa, e siamo già al 2022, accoglie il ricorso del Comune. La storia, però, non si chiude qui perché l’Agenzia delle entrate di Ancona è convinta di avere ragione lei e prende di nuovo carta e penna e ricorre questa volta alla Corte di Cassazione costringendo il Comune di nuovo a difendere le proprie ragioni.

La giunta ha deciso, infatti, di costituirsi in giudizio e ha dato mandato di difenderla all’avvovato Roberto Catani, in possesso di adeguata esperienza e competenza nella materia oggetto di contenzioso e incaricato della difesa dell’ente nei precedenti gradi di giudizio e quindi già a conoscenza della controversia. Il compenso lordo stabilito per il legale è stato quantificato in 15.941 euro con la speranza che il contenzioso, dopo ben 12 anni, possa finire qui. Fin qui la battaglia legale, ma è in atto un altro problema fra Comune e l’Ufficio delle entrate e riguarda lo sportello di quest’ultimo che è stato chiuso al pubblico poco prima del Natale del 2020 e non più, da allora, riaperto, malgrado le sollecitazioni del sindaco e le assicurazioni della direzione centrale di Ancona.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?