Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 ago 2022
2 ago 2022

Fonte San Giuliano nell’incuria "È sepolta dalla vegetazione"

Il manufatto lungo la Potentina è finito nel dimenticatoio. La segnalazione di un residente:. "È un dispiacere"

2 ago 2022

In città ci sono fonti che vengono inserite in progetti di riqualificazione e altre che, invece, dopo essere state ripulite tornano a sparire dietro cumuli di vegetazione incolta. Se, infatti, per fonte Santa Maria Maddalena, probabilmente perché si trova in una zona centrale della città, a pochi metri dal palazzetto dello sport, sono stati stanziati 582mila euro di fondi del Pnrr per il recupero e la valorizzazione, è tornata a essere abbandonata fonte San Giuliano, che si trova lungo strada Potentina, tra il quartiere Pace e Madonna del Monte, ormai nascosta dalla vegetazione. La segnalazione arriva da un residente dispiaciuto nel vedere l’abbandono in cui versa la storica fonte. "Dispiace vedere il degrado in cui è tenuta la fonte, una tra le più antiche della città – racconta l’uomo –. La leggenda narra che qui lo zoccolo del cavallo del Santo fece sgorgare dell’acqua a cui entrambi si dissetarono prima di proseguire il cammino per contrada Isola di Madonna del Monte, luogo poi dell’eremitaggio e dell’espiazione, come traghettatore da una sponda all’altra del fiume Potenza".

Nel 2004, su iniziativa dell’artista Silvio Craia la fonte venne ripulita e lì vicino venne installata un’opera di Egidio Del Bianco, in cui fu posizionato anche un medaglione ispirato a San Giuliano. Ma l’incuria e l’abbandono ebbero il sopravvento e, quando alcuni vandali rubarono il medaglione, si decise di rimuovere l’opera. E la fonte tornò a sparire tra cumuli di vegetazione.

La struttura dedicata a San Giuliano, però, non è sfuggita all’assessore comunale Silvano Iommi che sta curando il recupero di diverse fonti cittadine, ma ancora non si è mosso nulla per valorizzare questo patrimonio della città. Nella stessa situazione di abbandono versa anche, sempre lungo la Potentina, fonte San Pellegrino, costruita dal Comune nel 1950 e oggi rotta e abbandonata.

re. ma.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?